Indice del post conto corrente: cambiare è più facile » la portabilità gratuita

A partire dal 2015, è stata introdotta, nel nostro ordinamento giuridico, la portabilità gratuita, ed in tempi decisamente più ristretti, del conto corrente bancario personale. Per chi ancora non ne fosse a conoscenza, Il decreto legge 24 gennaio 2015 numero 3, il quale ha recepito la direttiva europea sui conti correnti 92/14 del 23 luglio 2014, stabilisce un termine massimo di 13 giorni, entro il quale le banche devono provvedere al passaggio di un conto corrente, su richiesta del cliente. Da un po' di tempo a questa parte, dunque, cambiare è più facile e, in più, non ci [ ... leggi tutto » ]

La portabilità del conto corrente e' la possibilità di trasferire il conto dalla banca dove lo si ha ad una che offre un conto corrente migliore per costi, condizioni e servizi, giudizio ovviamente a discrezione del cliente. Per quanto riguarda la portabilità del conto corrente, già con la Legge Bersani sono state introdotte delle agevolazioni, ora col nuovo decreto sull’Investment Compact, dove sono state inserite apposite norme, trasferire il conto corrente sara' più facile per il cliente perché le banche non potranno svincolarsi dall'obbligo di rendere la portabilità semplice e senza costi, che il correntista potrà fare senza alcun [ ... leggi tutto » ]

Il modulo per spostare il conto corrente sarà standard, uguale per tutti: il cliente dovrà recarsi presso la nuova banca oppure sul suo sito e compilarlo, indicando anche i vari bonifici in entrata, gli addebiti diretti e quant'altro è legato al conto e che deve seguirlo presso il nuovo istituto senza alcun costo aggiuntivo e in tempi rapidi, massimo 6 giorni lavorativi. Per cambiare banca, dunque, non ci si dovrà più preoccupare di dare alcuna comunicazione all'istituto che si intende lasciare, o di recarsi fisicamente allo sportello dell'istituto stesso per compilare i moduli, una procedura che ha influito negativamente [ ... leggi tutto » ]

Come accennato nell'introduzione, Il decreto Investment compact ha approvato l’applicazione della direttiva europea che disciplina la portabilità del conto corrente, stabilendo un termine massimo di 13 giorni per il passaggio e la gratuità dell’operazione. Così, qualora la banca non rispetti tale termine, scatta l’obbligo di risarcire il cliente in misura proporzionale al ritardo e alla disponibilità esistente sul conto al momento della richiesta di trasferimento. In caso di richiesta di trasferimento del conto corrente, insieme a strumenti finanziari, ordini di pagamento e ulteriori servizi e strumenti collegati al conto, la portabilità non prevede oneri o spese a carico del [ ... leggi tutto » ]

Una volta individuato l’istituto di credito verso il quale si desidera eseguire la migrazione, occorre recarsi presso una filiale e compiere alcuni adempimenti riguardanti i servizi presenti sul vecchio conto. In particolare, bisogna verificare le possibilità di mantenimento o di estinzione di eventuali prestiti, la titolarità di eventuali carte di credito (si può scegliere di mantenerle, trasferendo gli addebiti al nuovo conto, oppure di chiuderle), e il trasferimento dei titoli, attivando preventivamente un conto titoli nel nuovo istituto. Una regola d’oro dunque in caso di cambiare conto corrente è quella di non chiudere mai il vecchio conto prima di [ ... leggi tutto » ]

Altra novità fondamentale della legge è costituita dall'obbligo dell'istituto di credito che il cliente intende lasciare, di “svincolare” il conto in tempi rapidissimi, provvedendo al trasferimento alla nuova banca non solo delle somme depositate ma anche di tutti gli ordini di incasso e di pagamento. In questo modo non si rischia più che operazioni si perdano nel passaggio, oppure che il conto non venga trasferito proprio per la presenza di operazioni in sospeso. Il termine stabilito dalle norme per completare il passaggio da banca a banca è di 12 giorni lavorativi, in pratica due settimane e mezzo, una data [ ... leggi tutto » ]

25 giugno 2015 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Norme sul trasferimento (portabilità) dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente
Per trasferimento dei servizi di pagamento connessi ad un rapporto di conto corrente si intende il trasferimento, su richiesta del consumatore, dell'eventuale saldo positivo e/o delle informazioni relative a ordini permanenti di bonifico, addebiti diretti e bonifici in entrata ricorrenti da un conto corrente di origine intrattenuto presso un istituto ...
RID (Rapporto Interbancario Diretto) - Diniego alla portabilità e mancata esecuzione dei pagamenti
Con la procedura RID (rapporto interbancario diretto) il cliente autorizza la banca a eseguire ordini di addebito impartiti da un terzo, sulla base di un rapporto di fornitura (si pensi alla domiciliazione bancaria delle utenze domestiche) o di finanziamento (rimborso di prestiti personali, restituzione di somme utilizzate attraverso carte di ...
Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai ...
Errore di accredito su conto corrente da parte della banca - Nessun addebito degli interessi maturati
In caso di errore nell'accredito di un importo in conto corrente non è mai possibile lo storno senza il consenso del beneficiario o senza ricorso all'Autorità giudiziaria. In ogni caso, l'annullamento degli effetti dell'operazione annotata può avvenire non già intervenendo sulla registrazione, bensì ponendo in essere un nuovo atto giuridico, ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - Consentire lo svuotamento del conto da parte di uno dei cointestatari può costare caro alla banca
In tema di responsabilità della banca rispetto alla abusiva gestione, da parte di uno dei cointestatari a danno dell'altro, di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, l'ABF ha attribuito rilievo, ai fini dell'obbigo di restituzione imposto alla banca delle somme prelevate, alla circostanza che il prelievo da un conto ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post conto corrente: cambiare è più facile » la portabilità gratuita. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Conto corrente: cambiare è più facile » La portabilità gratuita Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 25 giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca