Il cambio della compagnia assicurativa e l'attestato di rischio

Inoltre, prima di affrontare il tema del sinistro e del cambio polizza, è bene sapere come si cambia, in pratica, la compagnia assicurativa e cos'è l'attestato di rischio.

I motivi che possono portare al cambio di compagnia assicurativa in genere attengono ad una maggiore convenienza economica; non sempre però viene seguito l'iter corretto, implicando inutili esborsi di denaro.

Differentemente dal passato, il rinnovo tacito della polizza Responsabilità Civile Auto non vale più (vedi articolo 170 bis del DL 179 del 2012), pertanto non è più necessario dare disdetta.

La clausola di rinnovo automatico può continuare a valere per le polizze accessorie alla RCA.

I termini di disdetta vengono riportati sul contratto di assicurazione e sono in genere di 60 giorni dalla scadenza.

Entro 30 giorni dalla scadenza la compagnia è tenuta all'invio al cliente dell'attestato di rischio, documento necessario per stipulare la polizza con una nuova compagnia.

Questo periodo è stato ritenuto sufficiente per consentire un confronto tra assicurazioni e quindi per favorire la ricerca del premio più basso.

La nuova compagnia richiederà la fotocopia del libretto di circolazione, prima di procedere alla stipula della polizza con la classe bonus malus di assegnazione. In assenza di tale copia la compagnia procederà all'inserimento nella classe di merito peggiore (la 18).

La vecchia polizza estende a 15 giorni dopo la scadenza il periodo di copertura assicurativa.

Attenzione a non confondere la polizza RC auto con le assicurazioni accessorie soprattutto se pluriennali: per queste ultime il tacito rinnovo in genere vale ancora.

Attestato di Rischio

L'attestato di rischio è un documento che riporta in via ufficiale gli eventi accaduti negli ultimi 5 anni (periodo di validità del certificato, indipendentemente dalla presenza di un contratto), delineando il profilo assicurativo del cliente: numero di sinistri, tipi di incidenti, classe di merito bonus malus di provenienza e di destinazione, la classe di conversione universale a tutte le compagnie assicurative, e altro.

E' quindi un certificato che consente di mantenere i vantaggi acquisiti.

I sinistri cui si fa riferimento sono quello che implicano una responsabilità totale o parziale dell'assicurato. Vengono esclusi gli incidenti per i quali la responsabilità è ancora in corso di accertamento.

In caso di un attestato di rischio con più di 5 anni, la nuova compagnia inserirà il cliente nella classe di ingresso prevista (di norma la 14). Per mantenere la classe di merito è necessario sottoscrivere una polizza entro 3 mesi.

Generalmente l'attestato di rischio viene inviato direttamente a casa; tuttavia in alcuni casi l'assicurazione può richiedere la consegna brevi manu direttamente presso l'agenzia di riferimento.

Questo documento può essere anche in forma elettronica certificata.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca