Pillole tributarie - Notifiche di cartelle esattoriali ai liquidatori di società estinte, cartella di pagamento ex art. 36 bis e domanda di rimborso

Illegittime le notifiche effettuate ai liquidatori dopo l'estinzione della società

La Corte di Cassazione con la sentenza numero 14880 del 5 settembre 2012 è tornata sul tema della validità di una notifica effettuata ai liquidatori di una società successivamente alla cancellazione della società stessa dal registro delle imprese.

Nel caso di specie era stata impugnata una cartella di pagamento e l'esito di entrambi i procedimenti avanti le Commissioni Tributarie Provinciali e Regionali aveva arriso alla parte ricorrente.

L'Agenzia, quindi, proponeva ricorso per cassazione denunciando la violazione e falsa applicazione dell'articolo 145 codice di procedura civile e sostenendo la corretta notifica alla liquidatrice menzionata.

I giudici di legittimità hanno, tuttavia, respinto il ricorso erariale, ribadendo il principio già più volte espresso per cui una volta effettuata la cancellazione di una società dal registro delle imprese, le notifiche degli atti ad essa relativi non possono più essere effettuati agli organi che la rappresentavano nel periodo precedente alla cancellazione stessa.

Infatti, a seguito dell'espletamento delle formalità connesse alla liquidazione e cancellazione di una società di capitali dal registro delle imprese, questa non gode più della personalità giuridica né della legittimazione processuale, non potendo più nemmeno essere considerata entità esistente. Conseguentemente, non trovando fondamento normativo l'ipotesi di un'automatica trasmissione dei diritti della società in capo ai liquidatori ovvero ai soci amministratori, le notifiche effettuate nei confronti di questi ultimi sono in tutto e per tutto erronee.

Al contrario, ogni notifica doveva e deve essere effettuata unicamente nei confronti dei precedenti soci: infatti, i soci partecipi della comunione dei beni residuati o sopravvenuti alla estinzione e nei limiti di essi sono gli unici obbligati per l'estinta società.

La sentenza appena esposta appare difficilmente contestabile essendo, tra l'altro conforme all'indirizzo oramai prevalente.

La sentenza è liberamente scaricabile dal sito www.dirittodimpresa.com

Cartella esattoriale ex articolo 36 bis e domanda di rimborso

La domanda di rimborso della maggiore imposta versata a seguito di una dichiarazione viziata da errori non è idonea a paralizzare il controllo automatico ex articolo 36 bis, DPR numero 600/1973. Ciò perché, a differenza di quanto accade con la dichiarazione integrativa con cui i precedenti errori possono essere emendati, con l'istanza di rimborso viene “introdotto un autonomo procedimento amministrativo (in cui la istanza di parte costituisce l'atto di impulso della fase iniziale) del tutto distinto dalla attività di controllo automatizzato -formale ed in rettifica- originato dalla mera presentazione della dichiarazione fiscale” che incide sulla dichiarazione soltanto ex tunc. Conseguentemente, la cartella emessa ex articolo 36 bis è legittima anche se nel merito potesse risultare fondata l'istanza di rimborso (C.Cass. sent. numero 13104 del 25 luglio 2012).

16 settembre 2012 · Giorgio Valli


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cancellazione della società dal registro delle imprese - Effetti sui debiti tributari
La cancellazione del registro delle imprese delle società di persone ne comporta l'estinzione, con il conseguente venir meno della loro capacità e soggettività. Alla cancellazione della società di persone dal registro delle imprese segue un fenomeno di tipo successorio, in virtù dei quale: l'obbligazione della società non si estingue, ma ...
Società di persone estinta - La notifica delle pretese dei creditori sociali
Dopo la cancellazione della società di persone dal registro delle imprese i creditori sociali non soddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei soci, fino alla concorrenza delle somme da questi riscosse in base al bilancio finale di liquidazione, e nei confronti dei liquidatori, se il mancato pagamento ...
Termine di decadenza del rimborso per il versamento di imposte non dovute quando il diritto alla restituzione sorge in epoca successiva al pagamento
Nel caso di errore materiale, duplicazione ed inesistenza totale o parziale dell'obbligo, il soggetto che ha effettuato il versamento di imposte sul reddito può presentare istanza di rimborso, entro il termine di decadenza di quarantotto mesi (due anni) dalla data del versamento stesso. Ove il diritto alla restituzione sia sorto ...
Il credito d'imposta tempestivamente dichiarato è soggetto alla sola prescrizione decennale
La prescrizione è decennale quando il credito d'imposta è correttamente evidenziato in una dichiarazione ma viene poi riportato in quelle successive Capita spesso che per le ragioni più disparate un credito d'imposta venga correttamente evidenziato in una dichiarazione ma sia poi riportato in quelle successive. In tali occasioni, non è ...
Pillole tributarie - L'invito a condono vincola l'Agenzia, per il ravvedimento operoso basta il pagamento di un acconto, imposta di registro agevolata e piani urbanistici particolareggiati
Qualora un contribuente riceva la comunicazione dell'Agenzia delle Entrate che lo rende edotto della facoltà di definizione dei carichi di ruolo pregressi (articolo 12, legge 289/2002) ed egli, avvalendosi di tale facoltà, compie tutti gli adempimenti connessi, ivi compreso il pagamento di quanto necessario a tal fine (25% delle cartelle ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pillole tributarie - notifiche di cartelle esattoriali ai liquidatori di società estinte, cartella di pagamento ex art. 36 bis e domanda di rimborso. Clicca qui.

Stai leggendo Pillole tributarie - Notifiche di cartelle esattoriali ai liquidatori di società estinte, cartella di pagamento ex art. 36 bis e domanda di rimborso Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 16 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria impresa e fisco Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca