Se il debitore non consegna il veicolo pignorato gli organi di polizia possono sequestrare il veicolo

In caso di mancata consegna all'Istituto Vendite Giudiziarie entro il termine previsto di 10 giorni, gli Organi di Polizia che accertano la circolazione dei veicoli pignorati procedono al ritiro della carta di circolazione nonché, ove possibile, dei titoli e dei documenti relativi alla proprietà e all'uso degli stessi provvedendo altresì alla consegna dei veicoli pignorati all'Istituto Vendite Giudiziarie.

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su se il debitore non consegna il veicolo pignorato gli organi di polizia possono sequestrare il veicolo . Clicca qui.

Stai leggendo Se il debitore non consegna il veicolo pignorato gli organi di polizia possono sequestrare il veicolo Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 2 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento di auto e moto Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 19 marzo 2019 at 21:02

    all’atto di pignoramento devono essere allegate o no le copie autentiche delle cartelle?
    in caso negativo, bisogna accettare che ci siano cartelle non notificate o con notifica errata?
    A questo hanno ridotto la culla del diritto? posto che lo sia mai stata?

    • Ludmilla Karadzic 20 marzo 2019 at 08:59

      La procedura di pignoramento autoveicoli, motoveicoli e rimorchi ex articolo 521 bis del codice di procedura civile (con cui Agenzia delle Entrate può ricorrere per l’escussione del debitore inadempiente) non prevede l’allegazione del titolo esecutivo in originale all’atto di pignoramento notificato al debitore. Quest’ultimo, tuttavia, può contestare la legittimità della cartella esattoriale da cui origina la procedura esecutiva a suo carico, ricorrendo, con il supporto di un avvocato, al giudice dell’esecuzione del Tribunale territorialmente competente, ex articolo 615 del codice di procedura civile.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca