La procedura per il pignoramento con modalità telematiche

Vediamo nel dettaglio la procedura che può usare il creditore per effettuare il pignoramento con modalità telematiche.

Ma in sostanza, come si procede?

Il creditore procedente su istanza del presidente del tribunale del luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede, verificato il diritto della parte istante a procedere ad esecuzione deforzata, autorizza l'ufficiale giudiziario alla ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare.

L'ufficiale giudiziario avrà quindi la possibilità, ai fini dell'acquisizione d'informazioni per l'individuazione di cose e crediti da pignorare, di prendere visione presso, come sopra specificato:

Terminate le operazioni l'ufficiale giudiziario redige un unico processo verbale nel quale indica tutte le banche dati interrogate e le relative risultanze rilasciando copia autentica al creditore, il quale potrà partecipare alla ricerca dei beni da pignorare con modalità telematiche, indicando all'ufficiale stesso i beni da sottoporre ad esecuzione.

Se l'accesso ha consentito di individuare cose che si trovano in luoghi appartenenti al debitore compresi nel territorio di competenza dell'ufficiale giudiziario, quest'ultimo accede agli stessi per provvedere d'ufficio agli adempimenti relativi al pignoramento.

Se invece i luoghi non sono compresi nel territorio di competenza, copia autentica del verbale è rilasciata al creditore che, entro 15 giorni dal rilascio a pena d'inefficienza della richiesta, la presenta, unitamente all'istanza per gli adempimenti relativi al pignoramento, all'ufficiale giudiziario territorialmente competente.

20 ottobre 2015 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca