Pignoramento stipendi e pensioni » Equitalia non può farlo su ultimi

Equitalia non può effettuare il pignoramento dell’ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare

L’ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall’agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi.

Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate in banca o alla posta a titolo di ultima retribuzione del rapporto di lavoro o della pensione.

Infatti, il Decreto Legge del 21 giugno 2013, numero 69, detto il Decreto del Fare, ha modificato la precedente disciplina in materia di pignoramenti sugli stipendi, di salario o di altre indennità dovute in base al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle per causa di licenziamenti, o a titolo di pensioni che siano state versate sui conti correnti postali o bancari intestato al debitore.

In sostanza, la nuova legge ha stabilito che, in presenza di debiti esattoriali gli obblighi del terzo pignorato non possono ricomprendere l’ultimo emolumento affluito su tale conto, che resta, pertanto, nella piena disponibilità del correntista.

Perciò, anche se il resto del conto corrente è congelato, l’ultimo stipendio può essere liberamente prelevato dal contribuente cui sia stato eseguito il pignoramento presso terzi in banca.

21 Agosto 2013 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando il pignoramento di stipendi e pensioni è effettuato direttamente da Equitalia
Le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro. Resta ferma la misura di un quinto, se le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle ...

Equitalia - Stop al pignoramento del conto corrente per redditi inferiori a 5 mila euro
Prima di affrontare le questioni precipue relative al  pignoramento del conto corrente, è necessario accennare al contratto di deposito bancario ed al tipo di rapporto intercorrente fra istituto di credito e correntista. In forza del contratto di deposito bancario che intercorre tra il cliente e la banca,  questa acquista la proprietà della somma depositata  ed è obbligata a restituirla nella stessa specie monetaria (cfr. articolo 1834 del codice civile). Trattandosi di un contratto essenzialmente reale esso si  perfeziona con il deposito della somma e, qualora non sia stato convenuto un termine, la banca è tenuta alla restituzione delle stesse a richiesta del ...

Pignoramento conto corrente cointestato da parte di equitalia » Una procedura complessa
Pignoramento di un conto cointestato da parte di Equitalia: l'esecuzione, non potendo avvenire sul saldo attivo, viene regolata da norme diverse rispetto alla normale esecuzione esattoriale. Scopriamo quali nel prosieguo dell'articolo. Il pignoramento da parte di Equitalia del conto corrente del debitore avviene, di solito, con forme più celeri e semplici rispetto ai normali pignoramenti tra privati. Infatti, la normativa vigente permette ad Equitalia di procedere autonomamente, ordinando alla banca senza necessità di procedimenti in tribunale, di trasferire le somme. Questa possibilità, però, decade nel caso di conto cointestato. Come funziona allora, la procedura del pignoramento di un conto corrente ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento stipendi e pensioni » equitalia non può farlo su ultimi. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento stipendi e pensioni » Equitalia non può farlo su ultimi Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 21 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria pignoramento del conto corrente bancario o postale Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Ludmilla Karadzic 21 Agosto 2013 at 15:36

    Decreto del fare – nuove regole per il pignoramento esattoriale di stipendi e pensioni

    Come è noto, Equitalia può attivare una speciale forma di pignoramento presso terzi (comunque non prima di 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento), che si concretizza nell’ordinare al debitore del contribuente pignorato di versare le somme direttamente nelle sue mani, nel termine di 15 giorni.

    Con la conversione in legge del c.d. “decreto del fare” che ha modificato il testo originario del Dl 69/2013 (articolo 52, comma 1, lettera e), il termine entro cui tale pagamento deve avvenire è stato elevato da 15 a 60 giorni dalla notifica dell’atto di pignoramento. In tal modo, il debitore che ritiene di avere fondate ragioni da opporre all’iniziativa di riscossione avviata, potrà attivare, nel termine di 60 giorni dalla notifica del pignoramento, le tutele del caso evitando che, nel frattempo, il terzo disponga l’accredito delle somme pignorate.

    Ricordiamo le soglie per il pignoramento esattoriale dello stipendio, delle pensioni e delle altre indennità connesse al rapporto di lavoro. Fino a 2.500 euro la quota pignorabile è un decimo, per somme comprese tra 2.500 e 5mila euro è un settimo, mentre se si superano i 5mila euro si applica la quota di un quinto, che costituisce il limite massimo pignorabile.

    Sempre il c.d. “decreto del fare” ha stabilito che se l’accredito delle somme dovute a titolo di pensione, salario, stipendio o di altra indennità derivante da un rapporto di lavoro o di impiego confluiscono in un conto corrente intestato al debitore, gli obblighi del terzo pignorato non si estendono all’ultimo emolumento accreditato allo stesso titolo. Così la somma rimarrà nella piena disponibilità del contribuente.