Debiti propri e per fideiussioni a favore di una srl

Non bastavano i nostri debiti - Ci sono anche quelli della società di cui mio marito era fideiussore

Mio marito alcuni anni fa è stato il legale rappresentante della società srl in cui lavorava con suo padre.

In previsione di una crisi e del tracollo finanziario, il legale rappresentante è diventato suo padre e mio marito ne è uscito. Ora mio marito è responsabile per la srl di ciò che ha firmato con una banca in cui era fideiussore (che ha già fatto decreto ingiuntivo) e con un creditore, il quale nel contratto di fornitura, in mala fede ha aggiunto la clausola "responsabile anche personalmente".

In fiducia mio marito ha firmato e ora le conseguenze sono pesanti.

Risultato attuale due decreti ingiuntivi, uno della banca che tra 20 gg sarà esecutivo e l'altro del creditore già esecutivo con pignoramento del c/c cointestato con me e dove esiste il nostro mutuo ipotecario per la casa.

Per far fronte ai nostri debiti (non quelli della società - siamo in regime di separazione dei beni) abbiamo messo in vendita la casa e finalmente dopo molto tempo abbiamo trovato l'acquirente.

Ora che stiamo per vendere mi chiedo se ci potranno essere degli ostacoli alla vendita, e nel caso riuscissimo potrebbero questi decreti intaccare anche il c/c con cui lavora mio marito per la sua nuova ditta individuale dove arrivano i proventi del suo lavoro?

La cosa che mi spaventa è che siamo una famiglia in cui io non lavoro per accudire i nostri due bimbi, e pensare che anche la nostra unica risorsa ci venga tolta, mi lascia terrorizzata.

Esistono associazioni che forniscono assistenza legale anche a chi ormai non se la può permettere?

Rischio revocazione atto di alienazione immobile

Se la vendita è conclusa a prezzo di mercato e l'immobile è destinato a costituire l'abitazione principale dell'acquirente, o di suoi parenti e affini entro il terzo grado, non c'è la possibilità di revocatoria dell'atto da parte dei creditori, anche nel caso di un fallimento della srl in cui venisse riconosciuta anche la responsabilità di suo marito come amministratore.

Il problema consisterà nell'evitare che il ricavato, fatto salvo il residuo valore del mutuo ipotecario garantito da ipoteca, resti incagliato nel pignoramento di un conto corrente qualsiasi intestato a suo marito. La necessità conseguente è quella di affidare i proventi della vendita a terzi. Non c'è altro modo per non correre rischi.

Tenga anche presente che i corrispettivi per l'attività lavorativa che svolge suo marito potranno anch'essi essere pignorati alla fonte (non solo dopo che siano stati depositati sul conto corrente) con precetto notificato direttamente al committente. Sempre che l'attività stessa non risulti, per così dire, sommersa.

Non credo esistano e comunque non ne conosco, associazioni della tipologia da lei invocata.

14 novembre 2012 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comunione legale » Che succede se il creditore espropria un bene ai coniugi?
In sede di comunione legale, nel caso di esecuzione forzata, come ad esempio un pignoramento, e vendita di uno dei beni divisi tra coniugi, il consorte non debitore ha diritto ad ottenere la metà della somma ricavata dalla vendita. I beni della comunione legale dei coniugi, infatti, possono essere espropriati ...
Debiti e regime di comunione dei beni – domande e risposte
Quali sono i beni personali che non rientrano nella comuni­one? a. I beni di proprietà del coniuge prima del matrimonio. b. I beni ricevuti dopo il matrimonio per donazione o eredità. c. I beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge. d. I beni che servono all'esercizio della professione di ...
Fondo patrimoniale debiti societari e fideiussioni prestate dai soci
Le società di capitali  sono dotate di personalità giuridica, rappresentano cioè dei “soggetti di diritto”, capaci di assumere in proprio diritti e obbligazioni. In questa situazione i debiti contratti per l'esercizio dell'attività sociale sono debiti della società e non dei soci e pertanto il patrimonio personale di questi ultimi è ...
Debiti contratti per esigenze personali ed azione coattiva sui beni inclusi nel fondo patrimoniale
Solo i debiti contratti per bisogni familiari possono legittimare un'esecuzione forzata nei confronti dei beni già inseriti nel fondo. Invece i proventi derivanti dall'impresa individuale non concorrono a soddisfare, in modo diretto, i bisogni della famiglia (tant’è che non entrano nella comunione legale dei coniugi, se non nei limiti di ...
Regolazione giudiziale dei debiti
Quando tutti gli sforzi per una regolazione extragiudiziale dei debiti sono falliti, il creditore può avviare l'esecuzione forzata nei confronti del debitore. Ai sensi dell'articolo 2910 del codice civile il creditore, per conseguire quanto gli è dovuto, può fare espropriare i beni del debitore, secondo le regole stabilite dal codice ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti propri e per fideiussioni a favore di una srl. Clicca qui.

Stai leggendo Debiti propri e per fideiussioni a favore di una srl Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 14 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 3 gennaio 2018 Classificato nella categoria pignoramento - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca