Pignoramento presso terzi in seguito a sfratto per morosità

Indice dei contenuti dell'articolo


Abbiamo ricevuto una notifica di procedimento di pignoramento presso terzi in seguito ad uno sfratto per morosità.

Io e mia moglie siamo dipendenti presso la stessa societa’ ed entrambe abbiamo in corso una cessione del 5° dello stipendio sulle nostre buste paga.

L’istante intende sottoporre a pignoramento tutte le somme a noi dovute dall’azienda presso la quale siamo dipendenti.

Abbiamo 3 minori a carico,possono bloccarci gli stipendi, nonostante ci siano in atto gia’ altre cessioni?

9 Novembre 2012 · Simone di Saintjust

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento presso terzi in seguito a sfratto per morosità. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento presso terzi in seguito a sfratto per morosità Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 9 Novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 30 Aprile 2017 Classificato nella categoria pignoramento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 26 Novembre 2020 at 18:11

    Tra l’esecuzione di sfratto ed il pignoramento del quinto è possibile concordare con il creditore un pagamento diverso? Se sì con quale procedura? Il pignoramento di 1/5 può essere interrotto in caso di saldo del dovuto’ grazie

    • Simone di Saintjust 27 Novembre 2020 at 08:29

      La prima risposta è negativa: non è possibile un accordo con il creditore sulla procedura esecutiva da intraprendere. Il creditore sceglie quella che ritiene per lui più conveniente ed efficace.

      Si può sicuramente estinguere il debito in corso di pignoramento, ma il problema è duplice:

      – al debitore non converrebbe perché il piano di ammortamento del rimborso forzato prevede inizialmente la corresponsione di quasi soli interessi (come in un normale finanziamento).
      – La convenienza per il debitore, allora, interverrebbe solo con un accordo transattivo a saldo stralcio sul capitale residuo da rimborsare. Ma, a quel punto, il creditore dovrebbe avere pressanti esigenze di liquidità per accettare.