Pignoramento presso la residenza del debitore - Posso modificare la residenza?

Mi riferisco a questa domanda sul pignoramento presso la residenza del debitore.

Nel cortile dove risiedo come vi dicevo prima ci sono 20 appartamenti con un unico civico.

Potrei dire che abito con mia mamma che risiede anche lei in una casa di appena 35 metri e che non ha nulla di valore in casa (mobili vecchi,tv vecchia) cosi possono pignorare?

Premetto che in quel cortile ci abito da quando sono nato e che al momento che mi sono sposato al comune dichiaravo che la residenza era sempre allo stesso numero civico e che i vigili per conferma come si fa di solito non sono venuti per costatare.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento presso la residenza del debitore - posso modificare la residenza?. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento presso la residenza del debitore - Posso modificare la residenza? Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 11 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • sebastiano1 19 febbraio 2013 at 11:32

    Premetto di essere separato “in casa” dal 2006. con l’omologa della separazione LA CASA CONIUGALE CON I MOBILI DI ARREDO sono stati assegnati a mia moglie. Avendo la residenza sepre presso lo stesso indirizzo in quanto non ho la possibilità di uscire di casa, l’ufficiale giudiziario si è presentato a casa da mia moglie e ha pignorato diversi mobili pur dichiarando che erano suoi senza poterlo dimostrare.Per il futuro pensavo di fare un contratto di comodato d’uso, ma per questi che posso fare?

    Grazie.

    • Annapaola Ferri 19 febbraio 2013 at 11:42

      L’orientamento giurisprudenziale è cambiato, negli ultimi tempi. Il contratto di comodato, regolarmente registrato, da cui di evince che il debitore non proprietario dei beni presenti nella casa in cui egli risiede non basta più.

      Sul tema, può consultare questo articolo.

      L’unica è quella di acquistare a prezzo vile, da un rigattiere o da un robivecchi, con fattura intestata al convivente non debitore, mobili simili, nella descrizione, a quelli che già arredano casa.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca