Pignoramento quota bene indiviso per fratello inadempiente

Come lei stesso rileva, nessun documento sottoscritto da suo fratello le conferisce delega al pagamento di periti di parte e legulei vari.

Non è certamente il suo caso, ma un fratello malizioso potrebbe anche sospettare, legittimamente, che lei, ad esempio, sia stato troppo generoso con i professionisti con cui entra in contatto per risolvere il contenzioso con il Comune di montagna.

Dunque, lei può e deve pretendere riconoscenza morale da suo fratello, ma non può pretendere parte dei soldi versati senza un preventivo accordo.

Per il futuro paghi solo e soltanto ciò che le spetta in ragione della sua quota di eredità. Quando ci sarà, presto o tardi, il pignoramento della quota del bene indiviso facente capo a suo fratello, potrà intervenire per acquisirla all'asta o, meglio, seguendo la procedura di conversione regolata da accordi preventivamente sottoscritti.

Mi dirà, piuttosto, che è veramente uno spreco di danaro arrivare all'escussione coattiva della parte di eredità spettante al fratello. Purtroppo nella vita non sempre si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. O paga lei (magari ripartendo gli importi anche agli altri eredi, sempre che siano d'accordo) oppure quella prospettata è l'unica soluzione.

25 ottobre 2012 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca