La quota prelevata con un eventuale pignoramento ammonta a 190 euro

Il suo quinto di un eventuale pignoramento della busta paga ammonta a 190 euro: il datore di lavoro può trattenere la somma solo dopo la notifica di un atto di precetto e dopo essere stato sentito dal giudice per le esecuzioni che stabilisce l'entità del pignoramento e verifica che siano rispettati i limiti di pignorabilità.

Questo se si tratta di escussione coattiva di crediti ordinari (banche, finanziarie, privati). Nel caso in cui ad agire è Equitalia, le cose cambiano e non si passa per il giudice se non in seguito ad opposizione presentata dal debitore.

10 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • fardy84 11 ottobre 2012 at 10:40

    Salve…o delle cambiali da pagare in Italia e ora vivo e lavoro in Freancia possono pignorarmi anche se sono all’estero?Per dire in francia?Non sono iscritto all’AIRE ancora

    • Marzia Ciunfrini 11 ottobre 2012 at 10:49

      Se non è iscritto all’AIRE difficile venire a pignorarla in Francia, non sapendo dove poter pignorare qualcosa. Ma se il debito è ingente, il creditore può anche servirsi di agenzie investigative.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca