Pignoramento ingiusto del quinto dello stipendio e recupero crediti

Pignoramento quinto per non aver pagato tassa rifiuti

Non avevo pagato la tassa rifiuti 2007 per un importo di 47,46 euro. Il 26.10.2009 mi arriva una intimazione di pagamento dalla soc. Abaco (recupero crediti) per un importo di 63,33 che io paga il 21.12.2009.

Il 28.12.2009 mi arriva un'altra intimazione di pagamento per la stessa tassa di 91,99 euro. Ho fatto notare che avevo già pagato prima della nuova notifica.

Il 22.03.2010 mi arriva una procedura di pignoramento del quinto dello stipendio (mai avvenuto tra l'altro)per l'importo di 65,07 (praticamente i 28,16 euro che mancavano + altre loro spese).

Ho mandato loro una mail in cui ribadivo che avevo pagato prima della notifica e che secondo me visto che l'importo della tassa l'avevano recuperato trovavo ingiusto pagare spese su spese che non esistono.

Nessuna risposta.

Ieri mi arriva una mail dall'abaco che risulto essere debitore per una tassa dei rifiuti del 2007. Verifico e mando loro la ricevuta di pagamento. Risposta: dicono che ho pagato dopo la nuova notifica e che avanzano 92,08 euro.

Che devo fare? E' giusto pagare le loro ipotetiche spese? Io non ne ho nessuna intenzione!!!

Pignoramento ingiusto per non aver pagato tassa rifiuti

Il comportamento di queste società cui viene affidata dai comuni la concessione per la riscossione di tributi locali, come la tassa ambientale o quella relativa ai rifiuti solidi urbani, è certamente inqualificabile.

Commettono errori con disinvoltura, indifferenti ai disagi che creano ai cittadini esigendo loro importi non dovuti, trincerandosi dietro l'impunità e la burocrazia.

D'altra parte è giustificabile il comportamento del contribuente vessato, come lei, che ritiene ingiusto perdere ore o giornate di lavoro per correre dietro agli sportelli delle concessionarie per far valere le proprie sacrosante ragioni.

Ma, così, si entra in un circolo vizioso e se ne esce, il più delle volte perdenti. Cornuti e mazziati, come si dice a Napoli. Con il pignoramento ingiusto del quinto dello stipendio, magari, per somme ridicole.

Ci vuol poco a capire che il nostro comportamento incoraggia questo modo di fare. Spedire una e-mail, seppur ad un indirizzo messo in bella mostra sul sito web di queste Concessionarie, senza un riscontro e senza la disponibilità di una PEC, equivale a non fare nulla.

Se non si vuole andare a notificare allo sportello, esigendo il numero di protocollo, un'istanza in autotutela corredata da copia dei bollettini di avvenuto pagamento, bisogna almeno ricorrere alle poste convenzionali. Certo accollandosi la spesa di una raccomandata AR.

Non è giusto, non vale, non è corretto. Ma, non c'è altro da fare. Come nulla possiamo fare dopo che ci è capitata una disgrazia.

25 novembre 2011 · Rosaria Proietti


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...
Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...
Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Alla Tariffa di Igiene Ambientale (TIA) non si applica IVA
LA TIA (Tariffa di Igiene Ambientale) non costituisce un'entrata patrimoniale e di diritto privato. ma una mera variante della TARSU (Tassa Ambientale per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani), di cui la TIA conserva la qualifica di tributo. Come per la tassa ambientale per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ...
Pignoramento esattoriale dello stipendio - E le pensioni?
Per quel che attiene le disposizioni sulla riscossione coattiva delle imposte sul reddito, l'articolo 72 ter del dpr 602/1973 si occupa, in particolare, di limiti di pignorabilità delle retribuzioni percepite da lavoratori dipendenti, debitori inadempienti, quando soggetti ad azione esecutiva avviata da Equitalia. La norma in commento prevede che le ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento ingiusto del quinto dello stipendio e recupero crediti. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento ingiusto del quinto dello stipendio e recupero crediti Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 25 novembre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria pignoramento - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca