Il pignoramento presso terzi non si perfeziona con la notifica dell'atto di citazione

Il pignoramento presso terzi non si perfeziona con la notifica dell'atto di citazione di cui all'articolo 543 del codice di procedura civile, ma solo con la dichiarazione positiva e non contestata di cui all'articolo 547 (ovvero, nell'ipotesi che il terzo non collabori o che in ordine alla sua dichiarazione sorgano contestazioni, con la sentenza di accertamento).

Solo con la dichiarazione di quantità, che viene resa innanzi al giudice dell'esecuzione e raccolta nel verbale di udienza, si accerta infatti l'effettiva esistenza ed entità del credito e le eventuali cessioni del quinto che insistono sullo stipendio del debitore.

A questo proposito va aggiunto che la cessione non può superare il 20% dello stipendio netto così pure il prestito delega e quindi. di norma, dovrebbe residuare almeno il 10% netto per il pignoramento dello stipendio. Fermo restando che sarà il giudice per le esecuzioni a fissare l'entità della quota pignorata e che, in alcuni casi, il prestito delega non viene computato nel calcolo per la sua determinazione.

13 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca