Pignoramento mobiliare infruttuoso con visita ufficiale giudiziario

Se il pignoramento mobiliare è infruttuoso quando potrà ritornare l'ufficiale giudiziario?

Ieri pomeriggio ho avuto la visita dell'ufficiale giudiziario per un pignoramento mobiliare.

Il pignoramento ha dato esito negativo. La mia domanda è questa: potrà ritornare nuovamente, che ne so fra un mese?

O devo ricevere un nuovo precetto e dopo questo uscirà di nuovo l'ufficiale giudiziario?

A fronte di un pignoramento infruttuoso l'ufficiale giudiziario avrebbe dovuto chiedere al debitore se ha qualche tesoro nascosto

A fronte di un pignoramento infruttuoso, l'ufficiale giudiziario avrebbe dovuto chiedere a lei, debitore, se ha qualche tesoro nascosto altrove.

I debitori che, quando interpellati, dichiarano il falso o non collaborano, o. ancora, non rispondono entro il termine fissato di 15 giorni, sono perseguibili penalmente secondo quanto previsto dall'articolo 388 del codice penale (reclusione fino ad un anno e la multa fino a 309 euro).

Adesso l'ufficiale giudiziario può procedere ad una ricognizione dei beni da pignorare con accesso diretto all'anagrafe tributaria o ad altre banche dati pubbliche. Il creditore può tentare un pignoramento dello stipendio.

Il precetto perde efficacia se non si riesce a pignorare e ad iniziare l'espropriazione dei beni pignorati entro 90 gg dalla sua notifica.

26 novembre 2012 · Ludmilla Karadzic


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Efficacia del precetto - pignoramento infruttuoso e spese di esecuzione
Come in molti sanno, il precetto è l'atto a mezzo del quale il creditore manifesta la volontà di procedere ad esecuzione forzata in danno del debitore. L'atto di precetto è, quindi, prodromico all'avvio del procedimento di espropriazione e consiste nell'intimazione rivolta al debitore di adempiere l'obbligo risultante dal titolo ...
Pignoramento esattoriale da parte dell'ufficiale giudiziario
Vorrei sapere se è vero quanto ho sentito in base al dpr 73/602, e cioè che il pignoramento esattoriale presso la residenza del debitore può essere opposto in base all'oposizione scritta nell'art 58 terzo comma del citato dpr. Allego parte del articolo 58 che interessa: Il coniuge, i parenti e ...
Adesso l'ufficiale giudiziario ha diritto ad un compenso commisurato al recuperato - In pratica lavora per il creditore ed è controparte del debitore
Quando si procede alle operazioni di pignoramento presso terzi o di pignoramento mobiliare, gli ufficiali giudiziari sono retribuiti mediante un ulteriore compenso, che rientra tra le spese di esecuzione ed è dimezzato nel caso in cui le operazioni non vengano effettuate entro quindici giorni dalla richiesta, stabilito dal giudice dell'esecuzione: ...
Le nuove armi a disposizione del creditore » Tutto sull'uso dello strumento telematico da parte dell'ufficiale giudiziario per la ricerca dei beni del debitore
Con la riforma della giustizia l'ufficiale giudiziario, per la ricerca dei beni del debitore, avrà dalla sua l'uso dello strumento telematico. La riforma della giustizia introduce la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare, strumento che potrebbe rivelarsi particolarmente utile per soddisfare le pretese, spesso deluse, dei creditori. A ...
Recupero crediti: ora più semplice » Per l'ufficiale giudiziario sarà possibile la consultazione dell'Anagrafe Tributaria
Novità per quanto riguarda il recupero crediti: con la riforma della giustizia, sarà dato il via libera all'interrogazione dell'Anagrafe tributaria e dei conti correnti da parte del creditore. Se le innovazioni al processo di recupero crediti saranno approvate in via definita, per i debitori si prospetteranno tempi davvero duri. Infatti, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento mobiliare infruttuoso con visita ufficiale giudiziario. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento mobiliare infruttuoso con visita ufficiale giudiziario Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 26 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 21 maggio 2017 Classificato nella categoria pignoramento - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • marni71 24 aprile 2015 at 16:11

    Buonasera, ho bisogno di essere messo al corrente di alcune cose, la mia situazione è la seguente: Sono un agente di commercio con iscrizione camera di commercio di Pesaro e nell’iscrizione è inserito l’indirizzo della mia vecchia residenza, io attualmente risiedo in altro luogo, luogo che è anche menzionato sui miei documenti d’identità.

    Poiché non ho più pagato una finanziaria a causa ovviamente della crisi, questi signori inviano raccomandate o atti di precetto c/o l’indirizzo precedente di residenza, che io puntualmente continuo a non ritirare, ma ripeto quell’indirizzo risulta nell’iscrizione c.c.i.a.a., poiché non mi sono mai preoccupato di cambiare, dato che a quell’indirizzo abita mia mamma.

    Cosa potrebbe accadere? Nel caso in cui ci fosse una richiesta di pignoramento, potrebbero farlo al vecchio mio indirizzo di residenza? Mi conviene consigliare a mia mamma che i beni che sono all’interno della sua abitazione debba fare un contratto di comodato d’uso gratuito a nome di mio fratello con apposizione timbro delle poste con data certa per evitare qualsiasi richiesta non dovuta da parte di qualcuno che cerca il mio nome c/o quell’indirizzo di vecchia residenza?

    • Simone di Saintjust 24 aprile 2015 at 16:40

      La notifica di un atto va sempre effettuata all’indirizzo di residenza anagrafica del destinatario. Proprio alcuni giorni fa la Corte di cassazione si è espressa sulla nullità di un atto notificato nelle mani della madre del destinatario, non più convivente con il figlio.

      Ora l’indirizzo del destinatario può anche essere scolpito sulla pietra, ovunque, ma il creditore prima di procedere giudizialmente nei confronti del debitore deve effettuare una ricerca anagrafica, altrimenti rischia, come nel suo caso, di girare a vuoto.

      Per scongiurare eventuali tentativi di pignoramento dell’ufficiale giudiziario è sufficiente che sua madre si procuri, per esibirlo alla bisogna, uno stato di famiglia.

      Gli altri (operatori di recupero crediti) non possono neanche permettersi di recarsi a casa del debitore senza consenso e neanche possono contattare, telefonicamente o in altro modo, se non vogliono essere perseguiti penalmente, persona diversa dal debitore.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca