Pignoramento di mobili per socio con garanzie fideiussorie

Indice dei contenuti dell'articolo


Tutela per pignoramento mobili

Sono socio in un'azienda attualmente molto indebitata, e ho rilasciato delle garanzie fideiussorie alle banche con le quali lavoriamo.

Sono proprietario per la quota del 50% di un immobile. L'altro 50% è di mia moglie e siamo sposati in regime di separazione dei beni. Su questo immobile abbiamo fatto un mutuo ipotecario nel 2003 prima di sposarci, e lo stiamo pagando tramite un conto cointestato.

In caso di fallimento la quota di mia moglie è in pericolo?
Se non fosse in pericolo, come può fare mia moglie a pagare le rate del mutuo se il conto corrente è cointestato?

Ora viviamo in affitto in un appartamento arredato di mio zio e stiamo aspettando la fine dei lavori di ristrutturazione dell'immobile menzionato sopra per trasferirci. Vista la mia situazione abbiamo deciso di non acquistare mobili per la nuova residenza ma di utilizzare quelli di mio zio.

Si riesce a tutelare in qualche modo mio zio, nell'eventualità di un pignoramento di mobili?

Il pignoramento di mobili comporta anche il pignoramento della camera dei bimbi, dei giochi, libri, scrivanie, a altri oggetti appartenenti ai miei figli minori?

Come tutelarsi dal pignoramento mobili

La quota di sua moglie, in regime di separazione dei beni, non dovrebbe essere in pericolo.

Prima di un eventuale pignoramento del conto cointestato ci sarà senz'altro la notifica di un ricorso per decreto ingiuntivo. Avrete modo e tempi per pianificare modalità di pagamento della rata del mutuo diverse dal RID ed accordarvi su questo con la banca.

Per tutelare i mobili dello zio da un eventuale pignoramento è necessario che lo zio abbia le fatture d'acquisto. Altrimenti deve stipulare con lei un contratto di comodato e registralo presso l'Agenzia delle entrate.

L’articolo 514 del codice civile prevede una lista di beni di prima necessità non pignorabili:

1) le cose sacre e quelle che servono all'esercizio del culto;

2) l’anello nuziale, i vestiti, la biancheria, i letti, i tavoli per la consumazione dei pasti con le relative sedie, gli armadi guardaroba, i cassettoni, il frigorifero, le stufe ed i fornelli di cucina anche se a gas o elettrici, la lavatrice, gli utensili di casa e di cucina unitamente ad un mobile idoneo a contenerli, in quanto indispensabili al debitore ed alle persone della sua famiglia con lui conviventi; sono tuttavia esclusi i mobili, meno i letti, di rilevante valore economico, anche per accertato pregio artistico o di antiquariato;

3) i commestibili e i combustibili necessari per un mese al mantenimento del debitore e delle altre persone indicate nel numero precedente;

4) le armi e gli oggetti che il debitore ha l’obbligo di conservare per l’adempimento di un pubblico servizio;

5) le decorazioni al valore, le lettere, i registri e in generale gli scritti di famiglia, nonchè i manoscritti, salvo che formino parte di una collezione.

Gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito.

6 Dicembre 2012 · Marzia Ciunfrini


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni pignorabili si trovino in luoghi di proprietà di terzi per via di un rapporto giuridico fra debitore e terzo, come, ad esempio, la locazione o il comodato di immobile. Peraltro, si presume che appartengano al debitore tutti i beni che si trovano nella sua abitazione. In tale caso, quindi, l'ufficiale ...

Legittimo il pignoramento di mobili presso lo studio professionale del debitore
Per quanto attiene il pignoramento delle "cose mobili" di proprietà del debitore, l'articolo 515 del codice di procedura civile prescrive, al comma terzo, che gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito; il predetto limite non si applica per i debitori costituiti in forma societaria e in ogni caso se nelle attività del debitore risulta una prevalenza del ...

Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con allegato inventario di arredi ed elettrodomestici concessi in comodato d'uso). Il contratto va, naturalmente, registrato. In alternativa, prima che il debitore vi fissi la residenza, l'ospite può anche incaricare un tecnico (eventualmente un CTU del tribunale) per una perizia asseverata dalla quale si evinca lo stato dei luoghi alla data, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento di mobili per socio con garanzie fideiussorie. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento di mobili per socio con garanzie fideiussorie Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 6 Dicembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte