Pignoramento mobili e cambio di residenza

Pignoramento mobili e cambio di residenza

Dopo l’atto di precetto può essere che l’ufficiale giudiziario si rechi presso la mia residenza, casa di mia moglie per pignoramento mobiliare?

Se nel frattempo porto la residenza da un amico o dal suocero e stipulassi un contratto d’uso in comodato di camera e cucina, come si comporterà l’ufficiale giudiziario?

Voglio chiarire che una volta che la banca creditrice si convincerà che non ho nulla, con l’aiuto dei fratelli vorrei fare un’offerta saldo stralcio del 15% su centomila.

Il pignoramento non deve essere necessariamente effettuato presso la residenza anagrafica del debitore

Il pignoramento non deve essere necessariamente effettuato presso la residenza anagrafica del debitore. Se il creditore ritiene, avendone giustificato motivo, che il debitore “viva” abitualmente altrove, può indirizzare l’ufficiale giudiziario a pignorare presso la sua “abitazione principale”, ad esempio.

Scritto questo, aggiungo che raramente le banche procedono a pignorare mobili e suppellettili. E che, anche se una banca decidesse, per oscuri motivi, di operare in tal senso, il pignoramento avverrebbe, nel 99% dei casi secondo mia esperienza, presso la residenza anagrafica del debitore.

11 Settembre 2012 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento verrà defalcato dall'importo a debito. Aggiungendovi però le spese sostenute ed anticipate dal creditore per la custodia e la vendita all'asta. Insomma, se il valore del pignoramento non è sufficiente a coprire il debito, il debitore rischia di rimanere senza mobili e con il debito aumentato. Per fare una domanda ...

Legittimo il pignoramento di mobili presso lo studio professionale del debitore
Per quanto attiene il pignoramento delle "cose mobili" di proprietà del debitore, l'articolo 515 del codice di procedura civile prescrive, al comma terzo, che gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito; il predetto limite non si applica per i debitori costituiti in forma societaria e in ogni caso se nelle attività del debitore risulta una prevalenza del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento mobili e cambio di residenza. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento mobili e cambio di residenza Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 11 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 17 Dicembre 2016 Classificato nella categoria pignoramento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)