Pignoramento indennità di disoccupazione

L'indennità di disoccupazione ha natura previdenziale: l'articolo 38 comma 2 della Costituzione dispone, infatti, che i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.

Ora, l'articolo 545 del codice di procedura civile prevede, per le prestazioni di natura previdenziale, che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile, per crediti di natura ordinaria (banche, privati, finanziarie) nella misura del 20%.

Attualmente, l'importo dell'assegno sociale è pari a 448 euro: pertanto la sola parte dell'indennità di disoccupazione che eccede i 672 euro (importo dell'assegno sociale aumentato della metà) può essere pignorata nella misura di un quinto per crediti ordinari e nella misura di un decimo (fino a 2.500 euro) per crediti esattoriali.

11 luglio 2016 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento indennità di disoccupazione. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento indennità di disoccupazione Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 11 luglio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria azioni esecutive pignoramento ed espropriazione » mini guide Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • fix 10 settembre 2016 at 17:37

    Quattro carte revolving con diversi mesi insoluti: uba delle finanziarie ha già inviato raccomandata con decadenza dal beneficio del termine. Non riesco a pagare 4500e se mi pignorano il quinto al mese prendo 1200 euro tolti 400 di due deleghe e una cessione quanto mi possono pignorare? Le altre finanziarie che fanno si accodano o pignorano in contemporanea? Io di proprietà ho solo l’auto di 10 anni.

    • Annapaola Ferri 10 settembre 2016 at 18:51

      Anche se tutti i creditori si rivolgessero al giudice (e non è detto che accada) lei si vedrà pignorato il 20% dello stipendio (al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo degli importi ceduti e delegati). In pratica 240 euro al mese. La cessione del quinto e le due deleghe di pagamento non rilevano, nel suo caso, ai fini del pignoramento dello stipendio. Il primo creditore procedente ottiene i 240 euro, gli altri si accodano.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca