Pignoramento immobile in fondo » Si per mancati oneri condominiali

Può essere disposto il pignoramento per una casa, inserita in un fondo patrimoniale, a causa di debiti contratti per oneri condominiali non corrisposti.

Sono soggetti a esecuzione forzata i beni del fondo patrimoniale in caso di debiti contratti per i bisogni della famiglia tra i quali rientra il mancato pagamento degli oneri condominiali.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 23163/14.

Da quanto si apprende dalla pronuncia esaminata, qualora i coniugi siano morosi per oneri condominiali, l’eventuale destinazione del bene immobile nel fondo patrimoniale, non li salva dall’esecuzione forzata, iniziata con ipoteca e finita con il pignoramento la vendita all’asta.

Come chiarito in diversi interventi nel nostro blog, istituire un fondo patrimoniale, purtroppo non significa proteggere l’immobile da qualsiasi aggressione dei creditori. Anzi, per determinati tipi di debiti, il fondo patrimoniale rimane comunque aggredibile.

Da ricordare, infatti, che il codice civile stabilisce che tutti i debiti contratti per spese di prima necessità della famiglia consentono, ai relativi creditori, di ipotecare, pignorare e mettere all’asta l’immobile anche se inserito nel fondo patrimoniale.

Ebbene, a parere degli Ermellini, rientrano fra i bisogni della famiglia gli atti di amministrazione dei beni come, appunto, le bollette condominiali e le spese legali sostenute dall’amministratore per poter riscuotere gli oneri non pagati dai condomini morosi.

Dunque, secondo i giudici di piazza Cavour, se i coniugi non pagano le spese condominiali relative all’immobile costituito nel fondo patrimoniale, il condominio può disporre il pignoramento dell’abitazione.

E ciò perché, come accennato, fra debiti contratti per i bisogni della famiglia rientrano senz’altro le spese condominiali.

3 Novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sono riconducibili ai bisogni familiari anche le spese legali sostenute dal condominio per ottenere il pagamento delle quote relative ai beni immobili conferiti ad un fondo patrimoniale
Così come ineriscono all'attività di gestione e di amministrazione del fondo patrimoniale gli oneri condominiali riguardanti i beni che ne fanno parte, assumono la medesima natura le spese che il Condominio abbia dovuto sopportare per ottenere il pagamento di questi oneri e che i titolari del bene costituito in fondo debbono rimborsare in quanto soccombenti nei relativi giudizi. Infatti, in tema di fondo patrimoniale, il criterio identificativo dei crediti il cui soddisfacimento può essere realizzato in via esecutiva sui beni conferiti nel fondo va ricercato nella relazione esistente tra gli scopi per cui i debiti sono stati contratti ed i ...

Ipoteca esattoriale su immobile conferito a fondo patrimoniale - Grava sul contribuente l'onere di dimostrare che il debito tributario sia sorto per soddisfare bisogni estranei alle esigenze della famiglia
Equitalia può iscrivere ipoteca su beni appartenenti al coniuge o al terzo, conferiti in un fondo patrimoniale, se il debito sia stato contratto per uno scopo non estraneo ai bisogni familiari, ovvero, nell'ipotesi contraria, purchè il titolare del credito, per il quale l'esattore procede alla riscossione, non fosse a conoscenza di tale estraneità, dovendosi ritenere, diversamente, illegittima l'eventuale iscrizione comunque effettuata. Grava sul contribuente l'onere di dimostrare che il debito tributario sia sorto per soddisfare bisogni estranei alle esigenze della famiglia. Questo il principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 20799/2016. ...

Fondo patrimoniale - Quando il debito assunto nell'esercizio dell'attività di impresa può considerarsi estraneo ai bisogni della famiglia
Secondo quanto stabilito dal codice civile, l'esecuzione sui beni conferiti al fondo patrimoniale non può avere luogo per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia. L'onere della prova dei presupposti di applicabilità di un tale assunto, grava, tuttavia, sulla parte che intende avvalersi del regime di impignorabilità dei beni costituiti nel fondo patrimoniale, la quale non deve provare soltanto la regolare costituzione del fondo patrimoniale e la sua opponibilità nei confronti del creditore pignorante, ma anche che il debito per cui si procede fu contratto per scopi estranei ai bisogni della famiglia. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento immobile in fondo » si per mancati oneri condominiali. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento immobile in fondo » Si per mancati oneri condominiali Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 3 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria il condominio Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 22 Febbraio 2019 at 14:22

    Buonasera, sono interessato ad un immobile all’asta su cui insiste un fondo patrimoniale costituito oltre 20 anni fa. L’immobile è stato aggredito dal Condominio in quanto il credito vantato riguardava chiaramente i bisogni della famiglia. il fondo patrimoniale non verrà cancellato a spese della procedura. in caso di aggiudicazione e in caso di una futura rivendita con contestuale richiesta di mutuo dell’acquirente, mi darà noie o limitazioni che possano pregiudicare la rivendita (tipo la Banca non eroga il Mutuo o il Notaio non può redigere il rogito) ?

    • Simone di Saintjust 22 Febbraio 2019 at 15:56

      La costituzione del fondo patrimoniale con il contestuale conferimento dell’immobile, il pignoramento giudiziale, l’espropriazione e l’assegnazione con il trasferimento di proprietà all’aggiudicatario, sono oggetto di trascrizioni cronologicamente successive, e trasparenti, nei registri immobiliari ed è il motivo per cui non ha senso cancellare una precedente trascrizione non ipotecaria, a carico, o meno, della procedura. Il notaio, che nell’interesse di un eventuale acquirente procedesse ad una visura nei pubblici registri immobiliari, non avrebbe di che eccepire.