Chiarimenti sul trasferimento della residenza ed il pignoramento immobiliare di Equitalia

In parole povere, Equitalia non può iniziare procedure di esecuzione forzata sulla prima casa, ferma restando la possibilità di iscrivere ipoteca e di partecipare all'esecuzione forzata avviata da altri creditori.

Resta fermo il divieto di pignoramento, comunque, per chi ha una sola casa di residenza.

Da ciò ne deriva che, quando il debito supera i 20.000 euro ma non i 120.000 euro, l'iscrizione di ipoteca ha esclusiva funzione di deterrente e garanzia, perché non sarà comunque possibile procedere al pignoramento e alla successiva vendita forzata.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Iriana Zaniboni 28 novembre 2015 at 20:48

    Il mio diritto di proprietà é scritto sull’atto notarile con cui ho donato la casa a mia figlia, quindi dovrei essere tranquilla. A volte mia figlia mi minaccia di prendere lei il possesso della casa perché nei mesi invernali, per evitare le spese di riscaldamento, vado in Tunisia….c’é questo rischio?

    Siccome non andiamo d’accordo e lei, pur se disoccupata, ha già 37 anni potrei essere comunque obbligata dal Giudice ad abitarci insieme a lei? Mia figlia dice che il diritto di abitazione, a differenza dell’usufrutto mi permette di abitarci, ma non in esclusiva (cioé anche lei può avanzare il diritto di coabitare).

    • Ornella De Bellis 29 novembre 2015 at 05:52

      A meno che nell’atto notarile di costituzione non sia pattuito diversamente, il proprietario dell’immobile non può esigere la coabitazione con il soggetto che detiene il diritto di abitazione, contro la volontà di quest’ultimo; tuttavia sua figlia, non essendo economicamente autosufficiente, può invocare il proprio diritto al mantenimento da parte della madre.

  • Iriana Zaniboni 25 novembre 2015 at 22:52

    Un po’ di anni fa ho donato la casa a mia figlia, riservandomi il diritto di abitazione.Ora mia figlia, in fase di separazione é stata minacciata dal giudice, qualora risultasse la parte soccombente, del pignoramento della casa che io le ho donato. Qualora la casa venisse venduta all’asta, io verrei sbattuta fuori o gli acquirenti dovrebbero aspettare la mia morte per entrare in casa? Se ci fosse il rischio di essere buttata fuori, ci sarebbe un modo per riprendere il possesso totale della casa (col consenso ovviamente di mia figlia) e quali sarebbero i costi?
    Grazie mille

    • Ornella De Bellis 26 novembre 2015 at 05:48

      Il diritto di abitazione è sicuramente opponibile ai terzi eventuali acquirenti dell’immobile espropriato ed assegnato tramite vendita all’asta. E’ tuttavia necessario che il diritto di abitazione sia stato attribuito con atto notarile e trascritto nei registri immobiliari in data anteriore al pignoramento.

      Insomma, prima di un eventuale pignoramento della casa, è necessario che lei verifichi che il diritto di abitazione di cui è titolare risponda ai requisiti di atto pubblico trascritto nei RRII. Non si limiti cioè ad una semplice scrittura privata.

      L’acquirente di un immobile su cui grava il diritto di abitazione regolarmente trascritto prima del trasferimento di proprietà, per prendere pieno possesso dell’immobile, deve attendere che il titolare rinunci al diritto, cambi residenza oppure muoia.




Cerca