Pignoramento dello stipendio all'estero per carta di credito in rosso

Pignoramento stipendio all'estero

L´anno scorso ho avuto un po´di problemi in famiglia, e la mia carta di credito ed il mio conto sono andati in rosso.

Adesso vivo all´estero, ma non mi registro al Consolato perche´altrimenti ho paura che mi troverebbero e che vengano qui a prendersi il debito.

Possono? Il mio moroso ha comprato casa, io ci vivo, abbiamo il conto cointestato ma la casa e´a nome solo suo , cosa potrebbe capitare?

Potrebbero effettuare pignoramento dello stipendio di un paese estero?

Ho una piccola macchina a nome mio, l´unica cosa che e´a nome mio, se la "vendessi" al mio moroso, rimarrebbe solo lo stipendio ... E se mi sposo il mio cognome qui cambierebbe, prenderei il suo cognome, potrebbero poi farmi qualcosa?

E come faccio a vedere di preciso quanti soldi e quando decade il debito senza telefonare in banca ?

Pignoramento stipendio all'estero con procedura di recupero crediti transfrontaliera

La possibilità di avviare, con successo, una procedura di recupero crediti transfrontaliera dipende molto dal paese estero in cui lei adesso vive.

Una cosa è trovarsi in un paese UE, altra cosa è essere andata a "svernare" in Uganda. Lei si trova, molto probabilmente, in Romania o in qualche altro paese dell'Est Europeo.

Ciò detto, la mancata iscrizione all'AIRE non evita le conseguenza di una corretta notifica al precedente indirizzo. Nel suo caso però si tratta di proteggere non tanto i beni posseduti nel paese di origine, quanto piuttosto quelli acquisiti nel paese di destinazione. In questo contesto la mancata iscrizione all'AIRE e la conseguente temporanea irreperibilità la mettono al riparo da qualsiasi azione esecutiva, anche per rogatoria (compreso il pignoramento dello stipendio).

In ogni caso, per quel che attiene l'automobile non mi preoccuperei più di tanto. Il conto cointestato, per buona abitudine di un qualsiasi debitore modello, dovrebbe essere surrogato attraverso la delega a disporre ed operare su un deposito bancario intestato a soggetto senza problemi di insolvenze debitorie passate. Ciò indipendentemente dalla bravura in cui siamo riusciti ad eclissarci agli occhi del creditore: la buona sorte non va mai sfidata.

Se si sposa con il suo "moroso" e cambia cognome, rende più difficile il suo rintraccio. Anche se le tecniche di "sparizione della debitrice" cominciano ad essere conosciute dagli addetti. Ciò anche, inconsapevolmente, grazie a questo blog: qui, trova un interessate articolo sull'argomento dal titolo significativo "Come ti faccio scomparire la debitrice dal rintraccio del recupero crediti".

Venire a conoscenza di eventuali prescrizioni le sarà molto difficile. Le comunicazioni di messa in mora, se inviate, lo sono state al vecchio indirizzo, e di queste, temo, lei non ha contezza. Nei riguardi di una banca, soggetto privato, non può essere esercitato l'accesso agli atti. Dunque il dilemma si può sciogliere solo in sede giudiziale, laddove lei eccepisce l'intervenuta prescrizione del debito ed il creditore le oppone una ricevuta AR con data compresa nella finestra decennale che parte a ritroso dalla data relativa all'ultima richiesta di rimborso.

22 novembre 2012 · Simone di Saintjust


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente e obbligo di accredito dello stipendio » E' incostituzionale?
A causa dell'articolo 12 del decreto Salva Italia, è previsto l'obbligo di aprire un conto corrente per accreditare lo stipendio e pensione. E' incostituzionale questa norma? Discutiamo, su questo tema, nel prosieguo dell'articolo. L'idea del governo dei tecnici era quella di poter tracciare tutti i movimenti di denaro e dare ...
Pignoramento dello stipendio - gli adempimenti del terzo pignorato, del creditore e del debitore
Quali sono gli adempimenti fiscali in termini di ritenuta d'acconto che devono essere osservati dal terzo pignorato, dal creditore pignoratizio e dal debitore. Esempi pratici riferiti alle situazioni più comuni ed alle casistiche più frequenti. Pignoramento dello stipendio e della pensione - quadro complessivo Il quadro complessivo della questione relativa ...
Quando il pignoramento di stipendi e pensioni è effettuato direttamente da Equitalia
Le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in ...
Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...
Pignoramento conto corrente cointestato da parte di equitalia » Una procedura complessa
Pignoramento di un conto cointestato da parte di Equitalia: l'esecuzione, non potendo avvenire sul saldo attivo, viene regolata da norme diverse rispetto alla normale esecuzione esattoriale. Scopriamo quali nel prosieguo dell'articolo. Il pignoramento da parte di Equitalia del conto corrente del debitore avviene, di solito, con forme più celeri e ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento dello stipendio all'estero per carta di credito in rosso. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento dello stipendio all'estero per carta di credito in rosso Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 22 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca