Equitalia e pignoramento presso residenza debitore - come il terzo può dimostrare la proprietà del bene pignorato




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Abbiamo anche detto che Equitalia non procede, se non in casi eccezionali, al pignoramento presso la residenza del debitore.

Quando poi si parla di beni mobili, ci si riferisce anche (soprattutto, direi) ad azioni, titoli di stato, obbligazioni nominative che allora i cosiddetti “cassettisti” detenevano in casa, chiusi in cassaforte. Oppure a quadri e sculture d’autore o a mobili di pregio e d’antiquariato. Ancora, a collezioni preziose di francobolli, di accendini e penne stilografiche o orologi Rolex.  Porcellane di Capodimonte, posaterie d’argento, cristallerie Swarowski.

In questo contesto non poteva certo assumere validità, ad esempio, una scrittura privata in cui si trasmetteva ad un terzo un pacchetto rilevante di Fiat privilegiate in data successiva a quella in cui si erano formati i presupposti per l’iscrizione a ruolo; oppure la proprietà di un trittico di Gronchi rosa.

Ora, se la sua compagna risiede presso di lei da prima che si siano formati i presupposti per i debiti erariali; se lei teme per i mobili di casa di cui non ha fattura d’acquisto; se non vuole affidare a qualcuno i quadri d’autore e gli altri beni preziosi indicati in premessa e ritiene non sufficiente il contratto di comodato registrato in epoca successiva alla formazione dei presupposti per l’iscrizione a ruolo,  non deve fare altro che fittare un locale, anche fatiscente, in cui traslocare la residenza della sua compagna per qualche tempo (bastano un paio di mesi). Quindi stipulerà con la sua compagna un contratto di locazione di una stanza presso la sua abitazione con comodato gratuito dei mobili, lo registrerà e farà acquisire alla sua compagna di nuovo la residenza attuale.

Se poi pensa e crede che l’ufficiale giudiziario e la GdF faranno controlli presso l’anagrafe per acquisire agli atti il certificato di residenza storico della sua compagna e procedere, nonostante tutto, alla vendita all’asta del divano e del tavolo da pranzo, beh, allora non le resta altro che rassegnarsi al pignoramento o rompere il legame con la compagna, mandandola via da casa.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


23 Ottobre 2012 · Loredana Pavolini




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia e pignoramento presso residenza debitore - come il terzo può dimostrare la proprietà del bene pignorato. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia e pignoramento presso residenza debitore - come il terzo può dimostrare la proprietà del bene pignorato Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 23 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento presso residenza debitore - presunzione legale proprietà Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)