Pignoramento esattoriale presso terzi - 60 giorni per proporre ricorso

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Nuova direttiva Equitalia dell’8 giugno 2010: più tempo per opporsi al pignoramento presso terzi.

L’Agente della riscossione ha il potere di chiedere il pignoramento presso terzi per la riscossione delle somme iscritte a ruolo.

La norma di riferimento è l’articolo 72 bis del DPR 602/1973 che prevede appunto la possibilità di ordinare a un soggetto (ad esempio il datore di lavoro) di versare direttamente all’Agente della riscossione le somme che avrebbe dovuto pagare al debitore iscritto a ruolo (ad esempio il dipendente).

Sul punto, la società Equitalia ha emesso, con la recentissima direttiva numero 12 dell’8 giugno 2010, disposizioni di maggior favore per il contribuente.

In particolare ha previsto che il terzo debba effettuare il versamento entro sessanta giorni, e non più entro quindici giorni dalla notifica dell’atto di pignoramento.

Questo vuol dire che il contribuente ha molto più tempo per opporsi al pignoramento che ritenga illegittimo.

Per porre una domanda  su qualsiasi argomento correlato all’articolo, clicca qui.

2 Agosto 2010 · Antonella Pedone

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento esattoriale presso terzi di cose o somme di denaro
Decorso inutilmente il termine di sessanta giorni dalla notifica della cartella esattoriale, Equitalia può chiedere a soggetti terzi, debitori del soggetto che è iscritto a ruolo o dei coobbligati, di indicare per iscritto, ove possibile in modo dettagliato, le cose e le somme da loro dovute. Nelle richieste formulate è fissato un termine per l'adempimento non inferiore a trenta giorni dalla ricezione. Gli agenti della riscossione possono procedere al trattamento dei dati acquisiti senza rendere l'informativa prevista dall'articolo 13 del codice in materia di protezione dei dati personali. Il pignoramento dei beni del debitore in possesso di terzi può essere ...

Equitalia » Nuove regole per il pignoramento presso terzi
Nuove disposizioni per quanto riguarda il pignoramento presso terzi effettuato da equitalia: l'ordine di pagamento a terzi può valere per tutti i crediti. Il pignoramento presso terzi è, ormai, uno strumento sempre più utilizzato da parte di Equitalia. Parliamo, appunto, dell'ordine di pagamento che l'agente della riscossione rivolge direttamente al terzo, debitore del soggetto iscritto a ruolo, senza passare attraverso la citazione davanti al giudice dell'esecuzione. Questa procedura può essere eseguita per qualsiasi tipo di credito pignorabile. E' questo il caso, ad esempio, dei crediti professionali o commerciali oppure dei conti correnti bancari. Per somme a ruolo superiori a 25.000 ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento esattoriale presso terzi - 60 giorni per proporre ricorso. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • mara 24 Novembre 2010 at 08:44

    equitalia può rateizzare una cartella dopo la notifica al datore di lavoro per il pignoramento avendo gia la cessione di un quinto di stipendio? grazie