Pignoramento ed espropriazione immobile per garante

Alla banca conviene effettuare pignoramento dell’abitazione ora?

Ho prestato fidejussione omnibus al c/c del mio ex marito vari anni fa. Lui è indebitato con vari creditori, protestato e deve € 50.000,00 alla banca x rientro fido ed interessi vari.

A novembre ci siamo separati ed il giudice mi ha assegnato la casa famigliare.

Abbiamo 2 bimbe piccole.

Abbiamo presentato un’offerta di rateizzazione alla banca, ancora non accettata, ma in tribunale ho saputo che è in arrivo un decreto ingiuntivo anche a nome mio in qualità di garante.

Lui non possiede nulla, forse la quota legittima dell’eredità del papà, deceduto a novembre ma con erede universale (da testamento) sua moglie.

La parte di mio marito si aggirerebbe intorno ai € 100.000,00, in immobili, se impugnassero l’eredità.

Preciso che sulla casa ho già 2 mutui volontari con un residuo di circa € 130.000,00 ma con una garanzia di € 350.000,00.

Mi domando, conviene alla banca pignorarmi l’abitazione e, soprattutto, lo possono fare visto che il giudice mi ha ceduto anche la metà di mio marito a titolo di mantenimento?

Gli conviene accettare il piano di rientro? Io farò presente che se mi ipotecassero casa non pagherei più neanche il mutuo e a loro, una volta messa all’asta, non rimarrebbe nulla. Si potrebbero invece riversare sulla quota leggittima di eredità?

I creditori possono legittimamente agire con pignoramento ed espropriazione dell’immobile di cui è proprietaria

Cominciamo da Preciso che sulla casa ho già 2 mutui volontari con un residuo di circa € 130.000,00 ma con una garanzia di € 350.000,00. Mi domando, conviene alla banca pignorarmi l’abitazione e, soprattutto, lo possono fare visto che il giudice mi ha ceduto anche la metà di mio marito a titolo di mantenimento?

Probabilmente non procederanno adesso. Attenderanno che lei continui a pagare il mutuo riducendo la quota capitale, nella speranza che il mercato immobiliare si riprenda, prima o poi.

I creditori possono legittimamente agire con pignoramento ed espropriazione dell’immobile di cui è proprietaria. Lei non è una ex coniuge del debitore, proprietario dell’immobile, con diritto di abitazione. Lei è proprietaria di un immobile e debitrice in qualità di garante del suo ex-marito, debitore principale.

Per uscire da questa situazione lei può indicare ai creditori, quando avvieranno le procedure di escussione coattiva nei suoi confronti, l’eredità ricevuta dal suo ex marito. L’attuale moglie può ricevere per testamento solo un piccola parte dell’eredià (la quota disponibile al de cuius) mentre a suo marito spetta la quota di legittima.

Il testamento verrà impugnato ed i beni ereditati dal suo ex marito pignorati ed espropriati per il rimborso del debito per cui lei ha prestato fideiussione.

24 Settembre 2012 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La garanzia nel recupero crediti - cosa succede al garante se il debitore principale non paga
Nell'attuale sistema economico, i soggetti (economici anch'essi) hanno bisogno di elementi di sicurezza - se non di certezza - per poter condurre i loro affari. Quest’esigenza ha creato e favorito lo sviluppo delle più diverse forme di garanzia che, in termini primitivi, potremmo definire come una misura o un rimedio per mettere al riparo da un pericolo. Oltre questa definizione non è agevole andare: gi à il legislatore italiano nel solo codice civile impiega il termine in una pluralità di accezioni. ...

Espropriazione esattoriale di immobile di provenienza ereditaria - quando è nulla
E' compito del creditore procedente dimostrare la trascrizione di un titolo d'acquisto a favore del debitore sottoposto ad esecuzione, nonché l'assenza di trascrizioni a carico dello stesso debitore relative ad atti di disposizione del bene, precedenti la trascrizione del pignoramento. Spetta al giudice dell'esecuzione verificare la titolarità, in capo al debitore sottoposto ad esecuzione, del diritto (di proprietà o diritto reale minore) pignorato sul bene immobile. Questa verifica va compiuta, d'ufficio, mediante l'esame della documentazione prodotta dal creditore procedente. Nel caso in cui sia sottoposto a pignoramento un bene immobile del quale il creditore procedente assuma la titolarità in capo ...

Cartelle esattoriali di equitalia e pignoramento della casa » Diritti doveri e consigli per evitare l'espropriazione dell'immobile
Debiti per cartelle esattoriali di equitalia non pagate: è possibile perdere il proprio immobile per pignoramento? Quali sono i diritti che tutelano il debitore? Ecco alcuni consigli e doveri per evitare l'espropriazione dell'immobile. Contro il pignoramento dell'immobile, per eventuali cartelle esattoriali di Equitalia non pagate, quali sono gli strumenti del debitore: fondo patrimoniale, donazione o vendita dell'immobile? Quando arriva una richiesta di pagamento per cartelle esattoriali, il primo pensiero va alla casa e alla possibilità che Equitalia possa espropriarla. Infatti, il patrimonio degli italiani è tutto nel mattone ed è chiaro che si tenti qualsiasi espediente pur di evitare che ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento ed espropriazione immobile per garante. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento ed espropriazione immobile per garante Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 24 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 10 Marzo 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)