pignoramento esattoriale del quinto dello stipendio in presenza di cessione

Pignoramento esattoriale dello stipendio in presenza di cessione del quinto

Agli inizi del mese di febbraio hanno mandato dalla serit di Palermo sia a me che a mio marito un avviso di pagamento per delle cartelle esattoriali, comunicandoci che se entro 20 giorni non provvederemo al pagamento si rivarranno sul nostro stipendio presso il comune di palermo (siamo entrambi dipendenti comunali).

Ora premettendo che molti di questi tributi sono scaduti (tributi scaduti da oltre 10 anni o cartelle di multe notificate 7 anni fa)
io vorrei avere due risposte gentilmente: la prima riguarda la prescrizione delle cartelle notificate e non impugnate. Seguono veramente il tributo? Perchè se è così in realtà le nostre sono tutte impugnabili.

La seconda: io e mio marito abbiamo già la cessione del quinto: cosa possono farci? si metteranno in coda adl debito o possono pignorarci dell'altro?

La cessione in corso non rileva ai fini della determinazione del quinto pignorabile

No. Il pignoramento è sull'intero stipendio al netto delle ritenute. La cessione in corso non rileva ai fini della determinazione del quinto pignorabile, salvo la discrezionalità del Giudice che può diminuire il pignoramento entro il massimo.

Lei ha chiesto ed ottenuto una cessione volontaria del quinto dello stipendio.

Serit chiede ed ottiene il pignoramento presso terzi (il suo datore di lavoro) del quinto dello stipendio al lordo della cessione del quinto.

Qualche possibilità di opposizione innanzi al giudice delle esecuzioni sussiste se e solo se il pignoramento del quinto riduce il suo stipendio (sempre al lordo della cessione volontaria) al di sotto della soglia del "minimo vitale" (intorno ai 500 euro).

23 febbraio 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Coesistenza fra pignoramento stipendio e cessione del quinto - calcolo delle quote pignorabili e cedibili
Cosa succede quando pignoramento dello stipendio e cessione del quinto si cumulano. Come si calcola la quota pignorabile quando il pignoramento dello stipendio è successivo ad una cessione del quinto. Le regole per determinare la quota cedibile che si applicano nel caso in cui, invece, la cessione del quinto dello ...
Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la ...
Pignoramento e cessione dello stipendio per agenti di commercio e rappresentanti
L'istituto della cessione del quinto del compenso da lavoro ed il relativo limite alla pignorabilità dello stesso nella misura di 1/5 sono applicabili agli agenti di commercio? In tema di espropriazione forzata presso terzi, le leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione di stipendi, salari e pensioni dei ...
Pignoramento dello stipendio - gli adempimenti del terzo pignorato, del creditore e del debitore
Quali sono gli adempimenti fiscali in termini di ritenuta d'acconto che devono essere osservati dal terzo pignorato, dal creditore pignoratizio e dal debitore. Esempi pratici riferiti alle situazioni più comuni ed alle casistiche più frequenti. Pignoramento dello stipendio e della pensione - quadro complessivo Il quadro complessivo della questione relativa ...

Spunti di discussione dal forum

Certificato di stipendio e cessione del quinto
Vorrei porre una domanda a proposito del certificato di stipendio e sulla somma che si deve prendere in considerazione per un'eventuale pignoramento del quinto. Avendo richiesto al datore di lavoro il certificato per una cessione volontaria del quinto risulta: restribuzione fissa e continuativa lorda Euro 30.489,97 corrispondente alla retribuzione mensile…
Coma si calcola la quota dello stipendio da prelevare per un pignoramento successivo alla cessione del quinto volontaria?
Ho uno stipendio netto di 1350, con una cessione del quinto volontaria di 270€, a quanto ammonterebbe un'eventuale pignoramento? Ho letto che: "Qualora un lavoratore abbia effettuato una cessione dello stipendio, i successivi pignoramenti sono consentiti solo per la differenza tra la metà dello stipendio e la quota già ceduta…
Pignoramento stipendio gravato da cessione del quinto e prestito delega
Sono una lavoratrice dipendente, ho una busta paga di 1200 euro su cui vengono trattenute 240 cessione quinto e 230 cessione per prestito delega e quindi con uno stipendio netto di 730 euro. I creditori di una finanziaria possono pignorare ulteriormente il mio stipendio e il giudice può autorizzargli la…
Stipendio già pignorato per crediti alimentari su cui grava anche una cessione del quinto – C’è spazio per un pignoramento dovuto a debiti con la banca?
Sono dipendente pubblico con uno stipendio di 1500, cessione quinto 300, pignoramento alimento figli 500: totale trattenute 800 euro, mi restano 700 euro; considerate che una cessione delega di 300 mi è stata congelata dopo il pignoramento alimenti. Ho ricevuto decreto ingiuntivo per conto di una banca: chiedo se si…
Pignoramenti dello stipendio e cessione quinto – E’ vero che al debitore sottoposto ad esecuzione deve restare almeno la metà della busta paga?
Percepisco uno stipendio lordo di duemila e 369,44 euro mensili sul quale ho trattenute erariali per 549,55 euro e trattenute extraerariali varie (tra cui una cessione volontaria del quinto e un prestito con una finanziaria, oltre ad addizionali comunali varie) per altri 790,24 euro. Da questo mese, a seguito di…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento esattoriale del quinto dello stipendio in presenza di cessione. Clicca qui.

Stai leggendo pignoramento esattoriale del quinto dello stipendio in presenza di cessione Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 23 febbraio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • daniele1 25 settembre 2013 at 01:10

    scusate ma non ho capito bene, il sottoscritto pensionato ha provveduto a fare la cessione del quinto a una finanziaria. ora un altra che purtroppo non sono riuscito a pagare mi avvisa che provvederà a pignorare un quinto.
    ma non dovrebbe essere ora un decimo? siccome ho già ceduto il quinto….la nuova finanziaria dovrebbe aspettare
    la fine del primo prestito con cessione? grazie

    • Ornella De Bellis 25 settembre 2013 at 17:55

      Non funziona così. Innanzitutto, trattandosi di un debito con una finanziaria (credito ordinario) il pignoramento comporta la trattenuta massima di un quinto. Con Equitalia il discorso è diverso (credito esattoriale): se il pensionato percepisce fino a 2500 euro netti mensili la quota pignorata massima è di un decimo.

      Ma torniamo a noi. La finanziaria di cui lei è debitore proverà a chiedere al giudice il pignoramento del 20% della sua pensione netta. Il giudice dovrà controllare che la somma della quota ceduta e di quella pignorata non portino la sua pensione a meno della metà. Ed inoltre che la pensione netta residua non finisca con l’essere inferiore al c.d. “minimo vitale” (circa 500 euro).

      Ove ciò accadesse, il giudice diminuirà la quota del 20% richiesta dal creditore (per questo si indica come quota massima) fino a rispettare i due requisiti a chi si è accennato, che sono imposti per legge.

Altre info