Pignoramento del quinto dello stipendio con titolo esecutivo

Verso la fine di settembre scorso ‘08, e da parte dell’avvocato della controparte a cui devo ancora delle morosità per affitto, il quale ha consegnato al datore di lavoro un’Atto di pignoramento a i Terzi, per le eventuali trattenute di somme a me dovute, ovvero lo stipendio. Successivamente il 1° Ottobre ‘08 mi presentai davanti al giudice in udienza, alla quale ” i Terzi dovevano “comunque” secondo il giudice- essere presente fisicamente all’udienza. Per tale motivo l’udienza è stata rimandata a Dicembre ‘08. Domanda: è possibile attuare il pignoramento dello stipendio seguito accordo fra l’avvocato della controparte e il datore di lavoro, ancor prima della udienza, e quindi prima della sentenzia del giudice?

Quello che vuoi sapere tu è se potevano bloccarti lo stipendio prima di comparire davanti ad un giudice. La risposta è positiva, perchè per farlo loro hanno utilizzato un titolo esecutivo, che si è formato in un precedente procedimento, svoltosi davanti ad un giudice, il procedimento, in particolare, relativo allo sfratto per morosità e al pagamento dei canoni non corrisposti. Probabilmente hai ricevuto, per i canoni non corrisposti, un decreto ingiuntivo che non hai opposto. Questo è diventato titolo esecutivo e in base a quello ti è stato pignorato lo stipendio.

Il pignoramento dello stipendio, naturalmente, ha effetto fin da subito, cioè dal momento della notifica, perchè altrimenti il terzo e il debitore, magari accordandosi tra loro, potrebbero avere tutto il tempo di sottrarre il denaro pignorato al creditore. L’udienza dove deve comparire il terzo, cioè in questo caso il datore di lavoro, serve solo per confermare il vincolo che nel frattempo è già però stato messo sul denaro.

Conviene che incarichi un legale di fiducia per cercare di transigere ed evitare di far andare avanti la procedura, cosa con la quale finiresti per pagare oltre a quanto devi anche molte spese legali. Prima di incaricare un legale, tuttavia, fatti fare un preventivo per iscritto.

risposta di Tiziano Solignani

Per porre una domanda, su pignoramento del quinto dello stipendio o della pensione e su altri argomenti correlati, clicca qui.

21 Ottobre 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio per 1/8 ma il datore di lavoro continua ad accantonare il quinto
A mio marito, ad ottobre 2018, viene emesso un atto di pignoramento presso terzi di 1/5 dello stipendio, il datore di lavoro inizia ad accantonare in attesa di udienza, il 21 gennaio 2019 mio marito si presenta davanti al giudice il quale decide che la somma da pignorare sia di 1/8 e non più il quinto e che venga restituita la somma di di differenza accantonata fino ad ora. Arriva lo stipendio e troviamo la sorpresa: pignoramento del quinto con un debito residuo maggiore di quello deciso dal giudice e nemmeno un centesimo del rimborso. Possiamo agire in qualche modo? ...

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e successivamente il medesimo stipuli un contratto di finanziamento da estinguersi mediante cessione della retribuzione, la quota di stipendio "cedibile" dal dipendente non può eccedere la differenza tra i due quinti della retribuzione (considerata al netto delle trattenute fiscali e previdenziali) e la quota "vincolata" dal pignoramento; in ogni caso, la ...

Presunto errore di calcolo nel pignoramento del quinto dello stipendio
Mi è stato pignorato dal mese di 12/2018 il quinto dello stipendio. Il giudice erroneamente ha effettuato il calcolo sulla base di 3 buste paga, di cui una conteneva il rimborso irpef, quantificandolo in € 370 al mese. Venuto a conoscenza dell'importo solo con la busta paga di dicembre ho effettuato opposizione (oltre i 20 giorni) ma il giudice della procedura del pignoramento la ha rigettata dicendo che ormai la somma era stata assegnata in udienza e nonostante avessi portato la documentazione del datore di lavoro che certificava che la somma da pignorare era di € 305 al mese. Ora ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento del quinto dello stipendio con titolo esecutivo. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento del quinto dello stipendio con titolo esecutivo Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 21 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 30 Aprile 2017 Classificato nella categoria recupero crediti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 29 Dicembre 2019 at 13:35

    Salve avevo una domanda da fare, ho fatto sfratto a Inquilino moroso non ha pagato 10 mesi d’affitto. Tra spese legali il debito è arrivato a 8 mila euro. Il datore di lavoro da luglio a intrattenuto 1 /5 dello stipendio ad oggi non ho ricevuto nulla. Oggi chiamo il datore di lavoro e mi dice che è in difficoltà ed ha usato il mio denaro per pagare i suoi debiti. Qualcuno mi sa dire se questo è passibile. Come devo procedere.

    • Simone di Saintjust 29 Dicembre 2019 at 16:18

      Il datore di lavoro ha commesso il reato di appropriazione indebita (articolo 646 del codice penale): va presentata querela all’Autorità Giudiziaria. Infatti, dal giorno in cui gli è notificato l’atto di pignoramento, il terzo è soggetto, relativamente alle cose e alle somme da lui dovute e nei limiti dell’importo del credito precettato aumentato della metà, agli obblighi che la legge impone al custode (articolo 546 del codice di procedura civile). Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da euro mille a euro tremila(

      Lo faccia presente al datore di lavoro inadempiente prima di denunciarlo: può darsi che giunga a più miti consigli.

  • Ilenia 27 Luglio 2011 at 16:00

    Salve per motivi economici non riesco piu’ a pagare il mutuo,la banca ha detto che mi pignorera’ lo stipendio (circa 700,00),qual’e’ il quinto di questa cifra?sono separata con 2 bimbi,come faro’ a vivere?

    • Simone Saintjust 28 Luglio 2011 at 14:46

      Un quinto di 700 euro sono 140 euro. Trovi un avvocato e si faccia seguire. Il pignoramento del quinto è il massimo che un giudice può concedere.

  • FAUSTA 19 Gennaio 2010 at 19:58

    BUONGIORNO VOLEVO SAPERE HO UN DEBITO CON LA BANCA DA 3 ANNNI DI 3’000 EURO HO DUE FIGLI PICCOLI GUADAGNO CON GLI ASSEGNI SOLO 1’200 EURO AL MESE MIO MARITO ò DISOCCUPATO POSSONO PIGNORARMI IL QUINTO DELLO STIPENDIO?

    • cocco bill 19 Gennaio 2010 at 20:04

      Sì, purtroppo possono.

  • c0cc0bill 28 Ottobre 2008 at 05:11

    il mese di aprile di questo anno l inail mi ha pignorato 2 stipendi senza che nessuno sapesse niente. volevo chiede se e possibile questo gesto , anche perche mi anno messo nei guai con una banca e con una finanziaria . con due figli a carico cordiali saluti grazie

    Commento di luca | Lunedì, 27 Ottobre 2008

    Possibile cosa.

    Rispondere ci proviamo pure, ma inventarsi anche i dettagli della domanda …