Pignoramento del conto corrente quando vi affluiscono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente

L'articolo 50 del TUIR riporta un elenco tassativo dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, per i quali, in caso di pignoramento del conto corrente a partire dal 21 agosto 2015, vanno tenute in conto le limitazioni imposte per gli stipendi dall'articolo 545 del codice di procedura civile.

Tra i redditi assimilabili a stipendio vi sono, ad esempio, le borse di studio, gli assegni periodici percepiti dal coniuge separato o divorziato, i compensi dei giudici tributari.

L'elenco rubrica, in dettaglio, le seguenti tipologie di reddito:

  • compensi percepiti (entro i limiti dei salari correnti maggiorati del 20%) dai lavoratori soci delle cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli, della piccola pesca;
  • compensi pagati per la collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili, e per altri rapporti di collaborazione che hanno per oggetto la prestazione di attività svolte senza vincolo di subordinazione;
  • remunerazioni dei sacerdoti;
  • compensi percepiti per lavori socialmente utili;
  • borse di studio, assegni, premi e sussidi corrisposti per fini di studio o di addestramento professionale;
  • somme percepite per la partecipazione a collegi e commissioni;
  • compensi corrisposti per l'attività libero Professionale intramuraria svolta dal personale dipendente del Servizio sanitario nazionale
  • somme percepite per l'attività di amministratore, sindaco o revisore di società, associazioni e altri enti con o senza personalità giuridica;
  • compensi corrisposti ai giudici tributari, ai giudici di pace e agli esperti del tribunale di sorveglianza;
  • compensi e indennità corrisposte da amministrazioni statali ed enti pubblici territoriali per l'esercizio di pubbliche funzioni;
  • assegni periodici percepiti dal coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale, divorzio o annullamento del matrimonio;
  • rendite vitalizie e rendite a tempo determinato costituite a titolo oneroso diverse da quelle aventi funzione previdenziale;
  • indennità e assegni vitalizi percepiti per l'attività parlamentare, per le cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali), e quelle percepite dai giudici costituzionali;
  • assegni periodici, comunque denominati, alla cui produzione non concorrono né capitale né lavoro (escluse le rendite perpetue), compresi gli assegni testamentari, quelli alimentari, eccetera;
  • collaborazioni a progetto e in collaborazione coordinata e continuativa.
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca