Le reali novità che cambieranno il pignoramento del conto corrente

Pignoramento del conto corrente » A partire dal 1° luglio sarà Agenzia Entrate Riscossioni a pignorare i conti correnti dei debitori del fisco

Come già preannunciato in articoli precedenti, in merito al pignoramento del conto corrente da parte del fisco sarà molto più facile dal prossimo 1 luglio 2017: scopriamo perché.

A partire dal primo luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni, in caso di debiti fiscali e cartelle esattoriali non pagate, a disporre il pignoramento del conto corrente.

La nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione (che ha preso il posto di Equitalia), infatti, avrà la facoltà di accedere a diverse banche dati, procedendo al pignoramento dei conti correnti, in modo diretto senza dover richiedere l’apposita autorizzazione al giudice.

Ma soprattutto le somme saranno immediatamente bloccate e rigirate al Fisco, per gli importi a debito: è questa la vera novità.

Insomma, una volta entrate in vigore le disposizioni del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017, il nuovo ente avrà l’accesso all’immensità dei dati dell’Anagrafe Tributaria.

Vediamo di vederci più chiaro nei paragrafi successivi.

Cosa cambia per il pignoramento del conto corrente dal 1 luglio 2017

Cosa cambia per il pignoramento del conto corrente dal 1 luglio 2017.

Il tema del pignoramento presso terzi del conto corrente si fa caldo: a partire dal mese di luglio 2017, sarà possibile sottoporre i conti correnti direttamente alla procedura di pignoramento senza attendere l’autorizzazione del Tribunale.

Infatti, da luglio 2017 pare che l’Agenzia delle Entrate potrà procedere al pignoramento presso terzi immediatamente ed avviare la riscossione al momento stesso della notifica della cartella di pagamento (decorsi i 60 giorni dalla notifica).

Ai sensi dell’art. 1 del Decreto Legge n. 193/2016 citato, con decorrenza dal primo luglio 2017 l’ente di riscossione Equitalia non sarà più presente e prenderà il suo posto direttamente l’Agenzia delle Entrate con l’organo Agente della Riscossione e sarà dotato di tutti i poteri previsti dal D.P.R. n. 602/73.

Ma cosa cambia in sostanza?

Come funziona oggi il pignoramento del conto corrente esattoriale

Come funziona, ad oggi, il pignoramento esattoriale del conto corrente.

Attualmente il pignoramento conto corrente 2017, rientra nella procedura ordinaria del pignoramento presso terzi.

Il pignoramento presso terzi, non è altro che un provvedimento attivato dal creditore nei confronti del debitore al fine di ottenere il pagamento di una certa somma.

Tale provvedimento, deve essere richiesto preventivamente al giudice e quindi autorizzato dal tribunale.

In pratica, se oggi un’impresa o un comune cittadino, intendono recuperare il credito, per procedere al pignoramento conto corrente e vedere così soddisfatta la richiesta, devono

Passati 10 giorni, se il debitore non paga, il creditore, ha diritto a notificare l’atto di pignoramento sia alla persona debitrice che alla banca o alla Posta, presso cui ha il proprio conto il debitore, per un importo pari alla somma indicata nell’atto + il 50%.

Fatto ciò, la banca o la Posta, ricevuto l’atto di pignoramento procede subito con:

Il discorso che abbiamo fatto finora, però, non vale per il Fisco.

Infatti, quando siamo difronte ad una cartella esattoriale emessa magari da Equitalia, o quando sarà dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione, la procedura cambia, in quanto non occorre l’autorizzazione del giudice.

Dunque cosa cambia in realtà con le nuove disposizioni?

La vera novità delle modifiche al pignoramento del conto corrente

Ecco, in realtà, la vera novità delle modifiche al pignoramento del conto corrente.

Come accennato, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione, nel momento stesso in cui notifica la cartella esattoriale non deve rivolgersi al giudice per citare in giudizio il debitore ed attendere la sentenza, in quanto la cartella di pagamento è in sé già un atto esecutivo al pari dell’atto di precetto e pertanto può procedere al pignoramento conto corrente, se passati 60 giorni dalla notifica, la certella esattoriale non è stata pagata.

Trascorso il suddetto termine, l’Ente della riscossione, può subito inviare alla banca l’atto di pignoramento ancora prima di notificarlo all’interessato, per poi invitare quest’ultimo al pagamento di quanto dovuto entro altri 60 giorni.

Se il debitore poi, persevera e continua non pagare quanto dovuto, il Fisco, richiede alla banca di versare l’importo pari al debito, senza necessità di rifarsi ad un giudice per far emettere il relativo provvedimento.

Quindi ricapitolando, per i debiti fiscali non è l’assenza di un procedimento giudiziario che cambia il pignoramento conto corrente, perché è già così, ma il fatto che le somme sul conto possono essere subito bloccate e utilizzate a saldo dei debiti, visto che è la stessa Agenzia delle Entrate che direttamente verifica le informazioni ed attiva il procedimento mentre Equitalia, doveva prima richiedere le informazioni all’Agenzia, attendere il riscontro, poi attivare la procedura.

Come difendersi dal pignoramento del conto corrente viste le nuove disposizioni

Ecco come è possibile difendersi dal pignoramento del conto corrente viste le nuove disposizioni.

Per poter evitare la rogna del pignoramento del conto corrente, il contribuente che riceve la notifica del pignoramento conto corrente, per impedirlo e difendersi, deve presentare entro 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento una richiesta di rateizzazione.

Solo una volta accettata la richiesta di dilazione della cartella e pagata la prima rata del piano di ammortamento, il contribuente può presentare la richiesta di sblocco del conto corrente.

26 maggio 2017 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento fiscale conti correnti: cosa cambia realmente dal primo luglio 2017?
Ne sono state dette e scritte tante, sul web ed altrove, in merito all'ipotesi di un pignoramento più semplice dei conti correnti da parte del fisco: ma cosa è cambiato sostanzialmente, e dove sta la verità? Facciamo chiarezza con questo intervento. Nei giorni scorsi, si è parlato della possibilità di ...
Cartelle esattoriali » A partire dal primo luglio 2017 cambiano busta e mittente
Per quanto riguarda le cartelle esattoriali, a partire dal 1 luglio 2017, con la chiusura di Equitalia, non recheranno più i colori il logo e il nome dell'agente di riscossione: cambieranno dunque, busta e mittente delle cartelle. A partire dal 1 luglio 2017, cambierà il mittente delle raccomandate che conterranno ...
Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso ...
La nuova cartella esattoriale dell'agenzia delle entrate-riscossione (ader) » Cosa c'è da sapere
Cambia l'agente della riscossione, da Equitalia ad Agenzia delle Entrate-Riscossione, e dunque, cambia anche la struttura della cartella esattoriale inviata al contribuente: vediamo come. Innanzitutto, che cos'è una cartella esattoriale? Nella cartella esattoriale è indicato l'importo totale da saldare e gli enti che ne hanno fatto richiesta, il dettaglio degli ...
Pignoramento conto corrente cointestato da parte di equitalia » Una procedura complessa
Pignoramento di un conto cointestato da parte di Equitalia: l'esecuzione, non potendo avvenire sul saldo attivo, viene regolata da norme diverse rispetto alla normale esecuzione esattoriale. Scopriamo quali nel prosieguo dell'articolo. Il pignoramento da parte di Equitalia del conto corrente del debitore avviene, di solito, con forme più celeri e ...

Spunti di discussione dal forum

Pignoramento del conto corrente da parte di Equitalia/Agenzia Entrate Riscossione – Cosa succede dopo il prelievo del saldo?
Vorrei sapere che cosa accade dopo la notifica dell'atto di pignoramento presso terzi che Equitalia fa alla banca. Da quando la banca fa la dichiarazione con il credito che ha a disposizione, i bonifici successivi sono ancora bloccati oppure riacquisto piena libertà di uso del conto corrente? Cosa succede nel…
Pignoramento saldo conto corrente – La procedura esattoriale
A seguito della risposta qui ricevuta specifico che il conto corrente è stato pignorato da Equitalia per cartelle esattoriali con la nuova procedura (quindi niente Giudice ma prelievo diretto) e che a parte non avere nella disponibilità il saldo del giorno del pignoramento possiamo operare senza nessun problema. Infatti sono…
Pignoramento del conto corrente – Come funziona operativamente?
Una società ha ricevuto via pec un atto di pignoramento del conto corrente da parte di Agenzia della Riscossione. Ma come funziona operativamente? Abbiamo visto che il giorno del pignoramento è stato "accantonato" il saldo (tolto dalla disponibilità). Ma adesso cosa succede? Dopo 60 giorni immagino che quell'importo venga incassato…
Pignoramento del conto corrente da Agenzia entrate-riscossione ed ipoteca esattoriale sulla prima ed unica casa – Quali sono le norme in vigore?
Oggi ho ricevuto la lettera dell agenzia delle entrate in cui mi notifica il pignoramento del conto corrente e iscrizione di ipoteca sulla casa. Sul conto corrente viene accreditato solo lo stipendio e la casa è l'unica che abbiamo. Come devo comportarmi?
Quali i rischi si corrono nel trasferire liquidità da un conto corrente ad un altro in odore di pignoramento?
Ho un conto corrente in Italia, a rischio pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER), ed un conto corrente all'estero: dovrei effettuare un bonifico dall'estero sul conto corrente italiano (il conto corrente di destinazione deve essere necessariamente a mio nome) per poi riversare subito, altrove, i soldi rimpatriati. Da…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le reali novità che cambieranno il pignoramento del conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Le reali novità che cambieranno il pignoramento del conto corrente Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 26 maggio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento di stipendi e pensioni Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?