Pignoramento quinto e conto corrente bloccato

Sono due mesi che ho il contocorrente bloccato e un pignoramento di un quinto dello stipendio causa un provvedimento che il giudice di pace mi ha fatto pervenire

Sono 2 mesi che ho il contocorrente bloccato e un pignoramento di 1/5 dello stipendio causa un provvedimento che il giudice di pace mi ha fatto pervenire.

La motivazione, un assegno di 5000 euro che nel 2004 il mio ex compagno mi diede per aiutarmi con dei lavori edili. Il tutto è stato fatto in via cautelativa in attesa di una decisone del giudice, dato che un accordo tra me e il mio ex non c’è stato.

Dato che non posso praticamente vivere con il mio stipendio dato che ho un mutuo e mi viene accreditato nel contocorrente, sto elemosinando soldi tra amici e parenti e per quanto il mio legale faccia notare che per legge io devo avere un “minimu vitale “per vivere, il giudice in questi giorni ha rimandato la decisione di altri 45 giorni.

Come posso venirne fuori? Può un giudice scavalcare una legge che mi tutela senza una concreta motivazione?

Il minimo vitale deve essere garantito in presenza di pignoramento e cessione del quinto regressa

Rispetto naturalmente il parere del suo avvocato. Ma, il minimo vitale (circa 430 euro) deve essere garantito in presenza di pignoramento e cessione del quinto pregressa e crediti alimentari dovuti per disposizione giudiziale.

Le faccio un esempio, nel tentativo di spiegarmi meglio.

Supponiamo che io guadagni 700 euro netti al mese; che sul mio stipendio gravi una cessione del quinto di 140 euro e che io sia obbligata a versare alimenti al mio ex per altri 60 euro.

Se un creditore si presentasse al giudice per un pignoramento del quinto, il giudice gli potrebbe al massimo concedere 70 euro di rateo mensile, in quanto egli deve per legge garantire il minimo vitale di sussistenza al debitore. Minimo vitale che, appunto, di norma è quantificato intorno ai 430 euro mese.

Ma, affrontiamo il caso in cui io percepisca uno stipendio sempre pari a 700 euro netti al mese e debba pagare un mutuo con rate mensili di 300 euro oltre a rimborsare un prestito personale che assorbe altre 300 euro.

In questo caso il creditore che si rivolgesse al giudice otterrebbe un pignoramento di 140 euro. Infatti, non verrebbe, in tale scenario, violato alcun limite di pignorabilità. Il minimo vitale è garantito al netto di cessioni, debiti alimentari e pignoramenti pregressi.

27 Settembre 2012 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Coesistenza fra pignoramento stipendio e cessione del quinto - calcolo delle quote pignorabili e cedibili
Cosa succede quando pignoramento dello stipendio e cessione del quinto si cumulano. Come si calcola la quota pignorabile quando il pignoramento dello stipendio è successivo ad una cessione del quinto. Le regole per determinare la quota cedibile che si applicano nel caso in cui, invece, la cessione del quinto dello stipendio segue un pignoramento già subito. La cessione del quinto dello stipendio è una particolare forma di prestito personale, il cui rimborso avviene attraverso l'addebito della rata sulla busta paga o pensione. Dal 1° gennaio 2005 per i dipendenti è possibile contrarre prestiti da estinguersi con cessioni di quote dello ...

Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso della precedente attività lavorativa di rappresentante di commercio. Nello scorso novembre 2011 Equitalia, ha chiesto, ed ottenuto, il pignoramento dell'unico conto corrente bancario di cui il pensionato è titolare e in cui affluisce la pensione, complice anche la recente manovra "Salva Italia" che, per ragioni di tracciabilità, costringe i pensionati ...

Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di esecuzione forzata con cui ordina al datore di lavoro di versare le somme direttamente nelle sue mani. In realtà, tale procedimento può essere effettuato non solo nei confronti del datore, ma anche di chiunque sia debitore del contribuente. Il debitore, ha 60 giorni di tempo dalla notifica del pignoramento per ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento quinto e conto corrente bloccato. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento quinto e conto corrente bloccato Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 27 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)