Pignoramento completo della pensione - indebitati.it

Pensione minima e pignoramento

Mio padre ha una pensione minima che riscuote mensilmente tramite libretto postale.

Mio padre è stato all’estero per più di un anno e nel frattempo è stato fatto un pignoramento sulla pensione. Forse è arrivata qualche notifica nella sua ex casa ma a quanto pare è andata persa.

La pensione arriva sul libretto ma non è possibile effettuare prelievi (c’è proprio un blocco) qualsiasi cifra si cerchi di prelevare.

L’addetto delle poste ci ha detto che loro non possono riferire chi è che ha ordinato il pignoramento e che dobbiamo far scrivere da un avvocato per sapere chi è.

Ora, ma è possibile bloccare completamente una pensione? Non c’era un limite di 1/5 o della metà? E’ vero poi che le Poste non possono riferire chi è che ha ordinato il blocco e dobbiamo far scrivere da un avvocato?

Dubbi sulla necessità di un avvocato per sapere chi è il creditore che procede al pignoramento

Ho qualche dubbio sulla necessità di un avvocato per sapere chi è il creditore che procede al pignoramento, tanto più che il debitore escusso avrebbe dovuto comunque ricevere una notifica.

Il creditore ha facoltà di scegliere il bene di proprietà del debitore da pignorare.

Le poste a seguito della notifica dell’atto di pignoramento del libretto, vincolano il libretto stesso, rendendo le somme non più disponibili per il possessore.

Gli effetti pregiudizievoli permangono fino al successivo provvedimento dell’Autorità Giudiziaria che si concretizza o in un’ordinanza di assegnazione delle somme al creditore ovvero in una declaratoria di estinzione della procedura esecutiva per inattività del creditore procedente ex articolo 630 codice di procedura civile.

Innanzitutto è necessario comunicare a chi eroga la pensione nuove modalità di accredito dei corrispettivi.

Per “liberare” il libretto è possibile utilizzare l’istituto di conversione del pignoramento. Ovvero pagare il debito, gravato dalle spese e dagli interessi moratori.

Sempre che l’impiegato di banca sia così generoso da rimuovere il segreto di stato senza la necessità di pagare anche l’onorario a qualche azzeccagarbugli.

Oppure può optare per il ricorso al giudice delle esecuzioni, perchè non è possibile pignorare un libretto postale (o un conto corrente) se su di esso vi transita solo la pensione (si legga in proposito questo articolo). Potrà ottenere, se non un risarcimento danni, almeno lo sblocco del libretto postale.

20 Settembre 2012 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso della precedente attività lavorativa di rappresentante di commercio. Nello scorso novembre 2011 Equitalia, ha chiesto, ed ottenuto, il pignoramento dell'unico conto corrente bancario di cui il pensionato è titolare e in cui affluisce la pensione, complice anche la recente manovra "Salva Italia" che, per ragioni di tracciabilità, costringe i pensionati ...

Il pignoramento della pensione e il nuovo minimo vitale
Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto e quinto comma nonché dalle speciali disposizioni di legge. (articolo 545 del codice di procedura civile come modificato dal decreto legge 83/2015). Passando al pratico, e fissando, per comodità di calcolo, in 500 euro mensili il trattamento minimo di pensione indicato dall'INPS, la quota impignorabile di una pensione ...

La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di legittimità, una componente non pignorabile della pensione necessaria alla sopravvivenza, che è pari a circa 500 euro mese (equivalente al trattamento minimo di pensione indicato dall'INPS). Nel decreto legge 83/15 (che ha apportato modifiche all'articolo 545 del codice di procedura civile) è stabilito che le somme da chiunque dovute a ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento completo della pensione - indebitati.it. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento completo della pensione - indebitati.it Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 20 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)