Tempi di pignoramento della casa non calcolabili - Tutto inizia con la decadenza del beneficio del termine




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Ogni banca ha proprie strategie e politiche per il recupero crediti: la banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

La risoluzione del contratto comporta la decadenza del beneficio del termine (DBT) e la contestuale richiesta del rimborso del capitale residuo in un’unica soluzione.

La decadenza dal beneficio del termine è la facoltà che ha la banca di esigere immediatamente il debito residuo in un’unica soluzione, a seguito di specifiche inadempienze contrattuali (ritardi nel pagamento delle rate di rimborso) da parte del debitore, il quale perde la possibilità di rimborsare il prestito alle scadenze stabilite.

Non è però detto che la banca notifichi la DBT necessariamente dopo la settima rata non pagata.

Comunque, a partire dalla notifica della comunicazione di DBT, verranno esperite le azioni di recupero del credito, dapprima con modalità stragiudiziale e poi secondo quelle giudiziali.

Secondo gli schemi di massima di seguito riportati.

Schemi di procedure per la regolazione dei debiti in scadenza

Schemi di procedure per la regolazione dei debiti in scadenza



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


8 Ottobre 2012 · Stefano Iambrenghi




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tempi di pignoramento della casa non calcolabili - tutto inizia con la decadenza del beneficio del termine. Clicca qui.

Stai leggendo Tempi di pignoramento della casa non calcolabili - Tutto inizia con la decadenza del beneficio del termine Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 8 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 5 Aprile 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)