Prestiti e pignoramento - l'euro mi ha distrutto

Purtroppo per gravi problemi famigliari e la separazione, ho fatto dei prestiti nel 1995 quado c'era la lira, poi con l'euro tutto è precipitato e non sono riuscita a far fronte ai vari pagamenti.

Cosi sono entrata nella lista dei protestati e dei cattivi pagatori con il pignoramento del 5° dello stipendio.

Il mio incubo è la casa pago 800 euro di affitto al mese. Adesso la vogliono vendere. Io vorrei acquistarla ma non posso chiedere un mutuo perché me lo rifiuterebbero.

Esiste qualche possibilità che anche chi è protestato e cattivo pagatore possa riuscire ad andare avanti senza finire nelle mani degli usurai?

Non è un controsenso? Lo stato vuole che si denunci l'usura, quando è proprio per le porte chiuse delle banche o enti che finiamo nelle loro mani?

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prestiti e pignoramento - l'euro mi ha distrutto. Clicca qui.

Stai leggendo Prestiti e pignoramento - l'euro mi ha distrutto Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 5 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria domande e risposte su prestito negato e cattivi pagatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca