Gli elementi per opporsi all'esecuzione ci sono - Ma bisogna affidarsi ad un avvocato

L'assegnazione della casa a sua madre in seguito a sentenza giudiziale di divorzio, la comproprietà del bene pignorato con un soggetto (sua madre) non debitore, la mancata escussione dei beni aziendali nella disponibilità esclusiva del debitore (suo padre) sono elementi che, se suffragati da fatti e documenti, invaliderebbero il pignoramento.

Il CTU è solo un professionista incaricato dal giudice della valutazione del bene pignorato ed eventuali vostre lamentele e doglianze non vanno esposte a lui e non lo riguardano.

A dire il vero, la cosa più strana in questa vicenda, è che lei abbia scritto ad indebitati.it ed ancora non si sia rivolto ad un avvocato per un ricorso al giudice dell'esecuzione prima che sia troppo tardi.

11 febbraio 2015 · Roberto Petrella

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • MoMo 28 aprile 2015 at 14:07

    Buongiorno,
    vorrei descrivere in breve la gravità della situazione in cui si trova mia madre. Abbiamo un contenzioso giudiziario con L’ATC.Tramite una sentenza per un problema di residenza (ingiusta tra l’altro) hanno costretto mia madre a lasciare l’alloggio popolare in cui viveva e a pagare una sanzione pari ad Eur 52.000,00 (che tra l’altro non è neanche il valore dell’immobile!).Mia madre è stata sempre regolare pagatrice del canone dell’affitto;adesso vive in un alloggio privato dove paga regolarmente l’affitto.Premetto che non ha nulla.Non è intestataria di nulla,se non di una pensione statale già decurtata di una cessione del quinto per un prestito contratto qualche anno fa.Abbiamo ricevuto un precetto esecutivo.Cosa può succedere ora? E’ possibile che avvenga un pignoramento ulteriore sulla pensione e di quanto?Ringrazio fin da ora per la risposta.

    • Annapaola Ferri 28 aprile 2015 at 14:24

      Il pignoramento esattoriale su una pensione incide al 10% della quota pignorabile. La quota pignorabile è data dall’importo percepito mensilmente diminuito di 500 euro circa.

      La somma di cessioni del quinto e di pignoramenti in corso non può superare la metà della pensione netta.

  • Natalina Negri 18 febbraio 2015 at 20:33

    Buonasera mi e’ arrivata una cartella di Equitalia per debiti di cui ero a conoscenza prima di aver chiuso la ditta artigianale mi preavvisano un pignoramento per il quale avevo già chiesto in sede all’ufficiale giudiziario il quale mi aveva tranquillizzato dicendomi che se non avevo niente non potevano prendermi nulla.Sono ancora nullatenente ma ho paura che possano rifarsi su mio figlio che ora ha la sua famiglia e non è nel mio stato di famiglia o con il mio ex marito con il quale sono ancora sposata ma vive in altro posto. Devo preoccuparmi?

    • Ludmilla Karadzic 18 febbraio 2015 at 21:43

      Stia pure tranquilla, signora. Sia suo figlio che il coniuge separato non rischiano nulla.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca