Pignoramento beni » Che succede quando il valore è superiore al debito

In tema di pignoramento, il creditore ha la possibilità di agire sui beni di proprietà del debitore anche se il loro valore è superiore a quello del credito vantato.

La normativa vigente, infatti, consente al creditore di effettuare il pignoramento di beni del valore pari all’importo del proprio credito, aumentato della metà.

La causa di questo aumento sta nel fatto che, all’esito della procedura esecutiva, il creditore avrà sostenuto delle spese legali e, in più, saranno scattati gli interessi.

Pertanto, questo valore, ulteriore, pignorato servirà proprio a coprire queste ulteriori voci.

Ma, in alcuni casi, l’ufficiale giudiziario potrebbe anche effettuare il pignoramenti di un bene per un valore di gran lunga superiore rispetto al credito per il quale si agisce.

Che cosa accada in questa fattispecie?

Per cominciare, dopo il pignoramento, il bene viene messo in vendita tramite asta, secondo le modalità che stabilisce il giudice dell’esecuzione.

Dopodichè, il ricavato viene utilizzato per soddisfare il creditore, sia nel capitale, che nelle spese e interessi.

L’eventuale parte che eccede il valore del credito viene poi restituita al debitore.

In parole povere, quando viene effettuato il pignoramento di beni mobili, l’importo della vendita che supera quello preteso dal creditore viene restituito al debitore.

Nel caso, invece, di pignoramento del conto corrente, le somme che superano il credito sono sbloccate e rientrano nella piena disponibilità del debitore.

Comunque è bene notare che, il debitore, prima ancora di aspettare l’esito della vendita dei beni espropriati o l’assegnazione delle somme in conto corrente, può tutelarsi presentando al giudice un’istanza di riduzione del pignoramento.

Con questo atto, egli chiede al giudice di ridurre le somme pignorate perché di valore eccessivo o sproporzionato rispetto al credito per il quale si agisce.

Il giudice decide entro venti giorni con ordinanza, sentiti il creditore pignorante e gli eventuali creditori intervenuti, e qualora l’importo complessivo pignorato sia eccessivo rispetto al credito, può limitare l’espropriazione solo a uno di essi fino all’importo dovuto più interessi e spese, oppure, nel caso di esecuzione su conto corrente, limitare il pignoramento al solo importo dovuto più interessi e spese.

Qualora a essere pignorati siano stati beni immobili, invece, il magistrato può limitare il pignoramento ad una sola o più parti di essi fino all’importo dovuto più interessi e spese.

3 Aprile 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento verrà defalcato dall'importo a debito. Aggiungendovi però le spese sostenute ed anticipate dal creditore per la custodia e la vendita all'asta. Insomma, se il valore del pignoramento non è sufficiente a coprire il debito, il debitore rischia di rimanere senza mobili e con il debito aumentato. Per fare una domanda ...

Pignoramento immobiliare dalla banca » Come liberare un singolo bene
Nell'ambito di una procedura di pignoramento, ad esempio immobiliare, già avvenuta è possibile liberare un singolo bene presente nell'abitazione, dietro pagamento? Come funziona questa procedura? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. La legge consente al creditore di azionare il procedimento di esecuzione forzata per il recupero coattivo dei propri crediti, siano essi dipendenti dalla stessa causa (per esempio, lo stesso contratto), siano essi dipendenti da cause diverse. Il creditore, pertanto, ha la possibilità di effettuare il pignoramento dell'immobile del debitore benché il credito vantato sia riconducibile a differenti cause. Al contrario, potrebbe altrettanto pignorare diversi immobili, in un'unica procedura di esecuzione forzata, ...

Trascrizione della donazione effettuata prima di quella del pignoramento » I beni del debitore sono intoccabili
In caso di trascrizione della donazione precedente a quella del pignoramento, il debitore che ha salvato il proprio patrimonio immobiliare non risponde di alcun reato nei confronti del creditore. Secondo la normativa vigente, i beni sottoposti a pignoramento, di regola, non possono essere toccati dal debitore. Non possono essere venduti, donati, distrutti o utilizzati, se non commettendo il reato di mancata esecuzione di un provvedimento del giudice. Ma c'è un'eccezione. Infatti, solo nel caso di beni immobili, se il debitore cede in donazione il proprio bene pignorato e ciò viene trascritto immediatamente nei registri immobiliari, ovvero ancora prima della trascrizione ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento beni » che succede quando il valore è superiore al debito. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento beni » Che succede quando il valore è superiore al debito Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 3 Aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)