Pignoramento ed espropriazione di un bene in comunione

Differenza fra comunione e comproprietà di un bene

La comunione di un bene fra n soggetti non è una comproprietà in cui ciascun compartecipante è titolare di una quota pari ad 1/n del bene. Si tratta, invece, di un istituto particolare (cosiddetto di tipo "germanico") senza quote. In sostanza, si può solo dire che tutti gli n soggetti sono comproprietari dell'intero bene.

Quelli che seguono sono i principi costantemente affermati, nella giurisprudenza di legittimità , relativamente al pignoramento ed all'espropriazione coattiva di un bene in comunione.

  1. L'espropriazione forzata dell'intera quota, spettante a un compartecipe, dei beni compresi in una comunione, è certamente possibile, ma limitatamente a tutti i beni indivisi di una singola specie (immobili, mobili o crediti);
  2. il giudice dell'esecuzione può disporre la separazione in natura della quota spettante al debitore sottoposto ad esecuzione debitore, se questa è possibile o, in caso contrario, ordinare che si proceda alla divisione, oppure disporre la vendita della quota indivisa;
  3. non è ammissibile l'espropriazione forzata della quota di un singolo bene indiviso, quando la comunione comprenda più beni della stessa specie, perché potendo, in sede di divisione, venire assegnato al debitore una parte di un altro bene facente parte della comunione, il pignoramento potrebbe non conseguire i suoi effetti, per inesistenza dell'oggetto dell'esecuzione nel patrimonio del debitore. In altre parole, non può essere esclusa la possibilità che la procedura esecutiva si rilevi inutile in quanto il bene assoggettato a pignoramento ed espropriazione potrebbe poi risultare, anche in seguito a divisione negoziale, di proprietà di un soggetto diverso dal debitore sottoposto ad esecuzione.

Pignoramento ed espropriazione di bene incluso in una comunione ereditaria

La procedura esecutiva propria di ogni tipo di comunione, vale a dire l'espropriazione di beni indivisi di cui agli articoli 599 e seguenti del codice di procedura civile, trova applicazione anche con riguardo alla comunione ereditaria, laddove, in sede di scioglimento della comunione, i beni che fanno parte della comunione stessa posso essere variamente ripartiti tra i comproprietari.

Pertanto, in tema di espropriazione dei beni caduti in successione, il creditore non può pignorare la quota del debitore relativa alla massa ereditaria se questa è in comune con altri eredi e comprende altri beni della stessa specie.

E' quanto emerge dalla sentenza della Corte di Cassazione numero 6809 del 19 marzo 2013, che ha visto accolto il ricorso di un debitore erede, insieme ai fratelli, di beni lasciatigli dal genitore e nei confronti del quale Equitalia aveva avviato la procedura di espropriazione di un conto corrente intestato al defunto ancora prima che fosse effettuata la divisione.

31 marzo 2013 · Simone di Saintjust


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comunione dei beni tra coniugi » limiti del pignoramento
In tema di pignoramento di immobili in regime di comunione legale, il coniuge non debitore ha diritto di intervenire nella procedura e chiedere la distribuzione del 50% del ricavato dalla vendita all'asta, ma non può opporsi al pignoramento dell'immobile nella sua interezza Gli immobili intestati ai coniugi in regime di ...
Equitalia » No al pignoramento del conto intestato al defunto o ai suoi eredi
Equitalia non può procedere al pignoramento della quota del conto corrente bancario del debitore sottoposto ad esecuzione nel caso in cui la massa ereditaria sia comprensiva di altri beni. In tema di espropriazione dei beni caduti in successione, l'agente delle riscossioni non può pignorare la quota del conto corrente bancario ...
Debito personale di uno dei coniugi - Pignoramento ed espropriazione di beni ricadenti nella comunione
Esaminiamo la questione del creditore che voglia soddisfare un credito personale, cioè estraneo ai bisogni della famiglia, su beni appartenenti al coniuge debitore, ma ricadenti nella comunione legale con l'altro coniuge non debitore. La comunione legale tra i coniugi costituisce, nella interpretazione giurisprudenziale assolutamente prevalente una comunione senza quote, nella ...
Pignoramento e comunione dei beni
Se siete sposati in regime di COMUNIONE LEGALE dei beni e ricevete un pignoramento (sia esecuzione ordinaria che esecuzione esattoriale - Equitalia) occorre distinguere vari casi:  il pignoramento è per l'intero immobile (1/1 dell'intera proprietà) ed il debito è stato contratto soltanto da uno dei due coniugi. Secondo l'orientamento prevalente ...
Pignoramento dei beni della comunione legale
Il regime patrimoniale legale della famiglia è la comunione dei beni. I due regimi alternativi cui i coniugi possono accedere con una convenzione contenente una esplicita manifestazione di volontà, sono la separazione dei beni ed il fondo patrimoniale. E' ammessa inoltre una cosiddetta comunione convenzionale, nella quale i coniugi decidono ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento ed espropriazione di un bene in comunione. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento ed espropriazione di un bene in comunione Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 31 marzo 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 8 marzo 2018 Classificato nella categoria pignoramento del conto corrente bancario o postale Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande