Pignoramento beni mobili appartenenti a terzi

Possono effetturare pignoramento?

Espongo brevemente la mia problematica. Dal Mese di Novembre 2011, ho stabilito la mia residenza presso una persona amica non legata da vincoli di parentela.

Avendo io una situazione espositiva nel mese di giugno ho effettuato una scrittura privata autenticata (dal Segretario comunale ) in cui do atto che nessun bene mobile (come è realmente) presente nell’abitazione è di mia proprietà. Faccio inoltre presente che si è stabilita presso la nuova abitazione da circa due anni (sta pagando il mutuo) e risiedeva in altra abitazione (dove io non risiedevo) .

Premesso quanto sopra, essendo stato informato che sovente gli ufficiali giudiziari non tengono conto della scrittura privata seppur autenticata ma essendo altresi informato che una sentenza di cassazione (2010) ha ritenuto far fede anche altri atti di natura pubblica, volevo chiedere cortesemente l’esatta natura di questi atti e quale valenza assuma nel caso in specie la scrittura privata da me effettuata in caso di un pignoramento. Preciso ulteriormente che non ho alcuna titolarità sull’unità abitativa .

L’ufficiale giudiziario, in una eventuale visita per effettuare pignoramento presso la residenza del debitore, deve presumere che tutti i beni ivi rinvenuti siano di proprietà del debitore sottoposto ad esecuzione

L’ufficiale giudiziario, in una eventuale visita per effettuare pignoramento presso la residenza del debitore, deve presumere che tutti i beni ivi rinvenuti siano di proprietà del debitore sottoposto ad esecuzione.

Per ovviare al problema occorre un contratto di comodato, registrato presso l’Agenzia delle Entrate, sottoscritto dal proprietario o conduttore dell’immobile presso cui ha residenza il debitore sottoposto ad esecuzione ed ed il debitore stesso.

la circostanza che il terzo non possa invocare la prova per presunzioni e comunque che tale prova non possa essere utilizzata dal giudice, è principio affermato costantemente dalla Corte di cassazione nell’applicazione dell’articolo 621 cod. proc. civ., secondo cui il terzo ha l’onere di provare il fatto costitutivo del suo diritto di proprietà nonché il titolo per cui i beni pignorati si trovano presso il debitore.

Per giurisprudenza costante, la presunzione legale iuris tantum del combinato disposto degli articoli 513 e 621 cod. proc. civ., in base alla quale le cose che si trovino nella casa del debitore si presumono di proprietà dello stesso, opera sul presupposto di una relazione di fatto tra il debitore e questi particolari spazi di vita professionale o familiare, perché chi ne gode può liberamente introdurvi e solitamente vi introduce cose che gli appartengono.

27 Settembre 2012 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni pignorabili si trovino in luoghi di proprietà di terzi per via di un rapporto giuridico fra debitore e terzo, come, ad esempio, la locazione o il comodato di immobile. Peraltro, si presume che appartengano al debitore tutti i beni che si trovano nella sua abitazione. In tale caso, quindi, l'ufficiale ...

Valenza giuridica di un contratto di comodato dei beni presenti presso la residenza del debitore in caso di pignoramento
In occasione di un pignoramento presso la propria residenza, il debitore esibisce all'ufficiale giudiziario un contratto di comodato, registrato in data anteriore al pignoramento, dal quale risulta che tutti i beni mobili, ivi presenti, appartengono ad un terzo. L'ufficiale giudiziario, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione numero 23625 del 20 dicembre 2012, non può comunque esimersi dal procedere al pignoramento. All'effettivo proprietario resta la possibilità di ricorrere allo strumento processuale dell'opposizione del terzo all'esecuzione. ...

Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con allegato inventario di arredi ed elettrodomestici concessi in comodato d'uso). Il contratto va, naturalmente, registrato. In alternativa, prima che il debitore vi fissi la residenza, l'ospite può anche incaricare un tecnico (eventualmente un CTU del tribunale) per una perizia asseverata dalla quale si evinca lo stato dei luoghi alla data, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento beni mobili appartenenti a terzi. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento beni mobili appartenenti a terzi Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 27 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 30 Aprile 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)