Perdita di possesso del veicolo » Procedimento e costi

L'annotazione di perdita di possesso va chiesta all'ufficio provinciale ACI-PRA della provincia in cui è residente la persona intestataria del veicolo.

E' possibile presentare la domanda anche ad una delegazione ACI o ad un'agenzia di pratiche automobilistiche, ma in questo caso ai costi "standard" (i bolli, vedi sotto) sono aggiunti le tariffe di mediazione.

Può presentare la domanda l'intestatario del veicolo.

In caso di cointestazione può procedere anche solo uno degli intestatari (escluso il caso di richiesta con autocertificazione, per la quale devono procedere tutti gli intestatari insieme).

In casi particolari possono presentare domanda:

  • gli eredi;
  • i soggetti che hanno rinunciato all'eredità;
  • il procuratore legale munito di procura dell'intestatario;
  • il curatore fallimentare.

Occorre presentare:

  • il certificato di proprietà (o foglio complementare) o, se questo è stato oggetto di furto, la relativa denuncia o la dichiarazione di resa denuncia;
  • la documentazione inerente l'evento.
  • modulo di richiesta (NP-1B oppure NP-3B se manca il certificato di proprietà).

Nel caso in cui si proceda con autocertificazione, basta ovviamente questa (oltre al modulo di richiesta), compilata su modulo fornito dall'ufficio e allegato alla circolare ACI del 17/4/2013 disponibile tra i link utili.

I costi "standard" della pratica sono i bolli, che variano a seconda che venga o meno richiesto il rilascio del CdP (certificato di proprietà:

  • con rilascio del CdP: euro 29,24 oppure euro 43,86 se si utilizza il modulo NP-3B;
  • senza rilascio del CdP: euro 14,62 oppure euro 29,24 se si utilizza il modulo NP-3B.

Non sono dovuti, invece, emolumenti ACI.

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su perdita di possesso del veicolo » procedimento e costi. Clicca qui.

Stai leggendo Perdita di possesso del veicolo » Procedimento e costi Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 26 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 29 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze della Corte Costituzionale Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca