La pensione non è integralmente impignorabile

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Stabilire un importo minimo impignorabile della pensione (minimo vitale) risponde a criteri di ragionevolezza che, da un lato, mirano ad assicurare in ogni caso al pensionato (anche con sacrificio delle ragioni di terzi) mezzi adeguati alle sue esigenze di vita e, dall’altro, sono finalizzati a non imporre ai terzi, oltre il ragionevole limite appena indicato, un sacrificio dei loro crediti negando all’intera pensione la qualità di bene sul quale possano soddisfarsi.

Queste ed altre considerazioni hanno condotto la Consulta ad affermare (fatta eccezione per i crediti qualificati, per crediti, cioè, diversi dai quelli vantati dall’INPS e quelli di natura alimentare) l’impignorabilità assoluta di quella parte della pensione che vale ad assicurare al pensionato mezzi adeguati alle esigenze di vita, ma anche a ritenere pignorabile, sia pure nei limiti del quinto, la parte restante.

Peraltro, non è legittimo continuare a sostenere la sostanziale impignorabilità dell’intera pensione in ragione del solo fatto che il legislatore non sia ancora intervenuto a determinare normativamente l’importo del minimo vitale impignorabile.

Al riguardo, la giurisprudenza consolidata di legittimità, preso atto della persistente inerzia del legislatore nell’individuazione in concreto dell’ammontare della parte di pensione idonea ad assicurare mezzi adeguati alle esigenze di vita del pensionato, ha affermato il principio di diritto secondo il quale l’indagine circa la sussistenza o l’entità del minimo vitale è rimessa, in difetto di interventi del legislatore, alla valutazione in fatto del giudice dell’esecuzione ed è incensurabile, in sede di verifica di legittimità, se logicamente e congruamente motivata.

Questo l’orientamento dei giudici della Corte di cassazione emerso dalla lettura della sentenza 24536/14.

21 Novembre 2014 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

L'impignorabilità del minimo vitale si applica solo alla pensione e non allo stipendio
L'articolo 545 del codice di procedura civile prevede che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione (ma anche di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza) non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale (minimo vitale) aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dalla legge. In pratica il minimo vitale impignorabile per le pensioni viene quantificato come corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale (minimo vitale) aumentato della metà. Il Tribunale di Viterbo aveva sollevato questione di legittimità costituzionale sull'articolo 545 ...

La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di legittimità, una componente non pignorabile della pensione necessaria alla sopravvivenza, che è pari a circa 500 euro mese (equivalente al trattamento minimo di pensione indicato dall'INPS). Nel decreto legge 83/15 (che ha apportato modifiche all'articolo 545 del codice di procedura civile) è stabilito che le somme da chiunque dovute a ...

La Consulta ribadisce la legittimità del minimo vitale impignorabile previsto solo per la pensione e non per lo stipendio
Il Tribunale ordinario di Viterbo, in funzione di giudice dell'esecuzione aveva sollevato questione di legittimità costituzionale dell'articolo 545 del codice di procedura civile nella parte in cui non prevede l'impignorabilità assoluta di quella parte della retribuzione necessaria a garantire al lavoratore i mezzi indispensabili alle sue esigenze di vita, e, in via subordinata, nella parte in cui non prevede le medesime limitazioni in materia di pignoramento di crediti tributari. Com'è noto, l'articolo 545 del codice di procedura civile dispone che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la pensione non è integralmente impignorabile. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)