Patto marciano e tutela del debitore nel contratto di leasing back

Nel lease back (o leasing back) un soggetto vende ad una società finanziaria il bene che gli verrà contestualmente concesso in leasing secondo le consuete modalità, con il diritto di rientrarne in possesso una volta terminato il periodo di locazione. Uno dei contraenti assume, dunque, la doppia veste di fornitore e utilizzatore del bene concesso in leasing, con la possibilità di ricavare dall’operazione liquidità aggiuntiva.

Il patto marciano è una clausola del contratto di leasing back finalizzata ad impedire che il concedente (creditore), in caso di inadempimento dell’utilizzatore (debitore), si appropri di un valore superiore all’ammontare del suo credito. Un contratto di leasing back che non contempli la c.d. clausola marciana è nullo.

Con essa si concorda che, al termine del rapporto, si procede alla stima del bene e il creditore è tenuto al pagamento in favore del debitore dell’importo eccedente l’entità del credito. In pratica, qualora il valore del bene sia inferiore all’importo del credito inadempiuto (gravato dal danno da inadempimento), verrà quantificata la differenza e sarà pagato un prezzo aggiuntivo al debitore. Naturalmente, nell’ipotesi che l’utilizzo da parte del debitore non abbia determinato la svalutazione del bene.

La stima imparziale del valore del bene ad opera di un terzo e l’obbligo, da parte del creditore, di restituire l’eccedenza al debitore assumono, quindi, il compito di escludere un eventuale abuso. Peraltro, tutto il vigente sistema del processo esecutivo per espropriazione forzata mira ad assicurare la tutela del debitore: l’ordinamento permette la realizzazione coattiva dei diritti del creditore, purche’ sia tutelato pure il diritto del debitore a pagare al creditore quanto in effetti gli spetti.

Per tale ragione, e’ necessario allora che, sin dal perfezionamento del contratto di leasing back, siano previsti meccanismi oggettivi che, in caso di inadempienza, permettano la verifica di congruenza tra valore del bene oggetto della garanzia (che viene definitivamente acquisito al creditore) e l’entità del credito.

Affinché la clausola marciana possa conseguire un effetto legalizzante del contratto di lease back, occorre pertanto che essa preveda un procedimento volto alla stima del bene, entro tempi certi e con modalità definite, che assicurino la presenza di una valutazione imparziale, in quanto ancorata a parametri oggettivi automatici, oppure affidata a persona indipendente ed esperta, al fine della corretta determinazione della eventuale differenza da corrispondere all’utilizzatore/debitore.

Questo è quanto hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione con la sentenza numero 1625/15.

15 Febbraio 2015 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il contratto di sale and lease back - Quando è lecito e quando è finalizzato ad aggirare il divieto di patto commissorio
Con il contratto di sale and lease back (vendita con leasing e patto di riscatto) un'impresa commerciale o industriale (oppure un lavoratore autonomo) vende un bene immobile di sua proprietà ad una società che ne paga il corrispettivo, diventandone proprietaria, e contestualmente cede il bene così acquisito in locazione finanziaria (leasing) alla stessa parte venditrice, che versa periodicamente dei canoni, con facoltà di riacquistare la proprietà del bene venduto, esercitando un diritto di opzione per un predeterminato prezzo (riscatto) al termine della durata contrattuale. La normativa vigente si pone l'obiettivo di impedire al creditore (società finanziaria) l'esercizio di una qualsivoglia ...

Il patto marciano entra nei contratti di mutuo stipulati a partire da luglio 2016
Come sappiamo, l'articolo 2744 del codice civile stabilisce essere nullo il patto (definito come patto commissorio) col quale si conviene che, in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato, la proprietà della cosa ipotecata o data in pegno passi al creditore. Tuttavia, a partire dal 1° luglio 2016, nei contratti di credito sottoscritti successivamente a tale data, le parti possono convenire, con clausola espressa, al momento della conclusione del contratto di credito, che, in caso di inadempimento del debitore, la restituzione o il trasferimento del bene immobile oggetto di garanzia reale o dei proventi della vendita del medesimo bene ...

Leasing » Contratto risolto e moto non restituita? E' reato
Contratto di leasing risolto e motocicletta non restituita: la mera detenzione qualificata è reato. Ciò, perchè l'interversione del possesso sussiste anche in caso di mera detenzione qualificata. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, sezione penale, con la sentenza numero 5201/14, depositata il 3 febbraio 2014. Leasing ed appropriazione indebita Nel procedimento che ha fatto scaturire la pronuncia esaminata, un uomo aveva presentato ricorso per Cassazione dopo che in primo e secondo grado era stato condannato per il reato di appropriazione indebita. Il ricorso era fondato sul fatto che, secondo quanto affermato dai legali dell'imputato, mancavano gli elementi costitutivi del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su patto marciano e tutela del debitore nel contratto di leasing back. Clicca qui.

Stai leggendo Patto marciano e tutela del debitore nel contratto di leasing back Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 15 Febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Luglio 2017 Classificato nella categoria consigli ed avvisi utili Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)