Il patto marciano e la tutela del debitore nel contratto di leasing back

Nel lease back (o leasing back) un soggetto vende ad una società finanziaria il bene che gli verrà contestualmente concesso in leasing secondo le consuete modalità, con il diritto di rientrarne in possesso una volta terminato il periodo di locazione. Uno dei contraenti assume, dunque, la doppia veste di fornitore e utilizzatore del bene concesso in leasing, con la possibilità di ricavare dall'operazione liquidità aggiuntiva.

Il patto marciano è una clausola del contratto di leasing back finalizzata ad impedire che il concedente (creditore), in caso di inadempimento dell'utilizzatore (debitore), si appropri di un valore superiore all'ammontare del suo credito. Un contratto di leasing back che non contempli la c.d. clausola marciana è nullo.

Con essa si concorda che, al termine del rapporto, si procede alla stima del bene e il creditore è tenuto al pagamento in favore del debitore dell'importo eccedente l'entità del credito. In pratica, qualora il valore del bene sia inferiore all'importo del credito inadempiuto (gravato dal danno da inadempimento), verrà quantificata la differenza e sarà pagato un prezzo aggiuntivo al debitore. Naturalmente, nell'ipotesi che l'utilizzo da parte del debitore non abbia determinato la svalutazione del bene.

La stima imparziale del valore del bene ad opera di un terzo e l'obbligo, da parte del creditore, di restituire l'eccedenza al debitore assumono, quindi, il compito di escludere un eventuale abuso. Peraltro, tutto il vigente sistema del processo esecutivo per espropriazione forzata mira ad assicurare la tutela del debitore: l'ordinamento permette la realizzazione coattiva dei diritti del creditore, purchè sia tutelato pure il diritto del debitore a pagare al creditore quanto in effetti gli spetti.

Per tale ragione, è necessario allora che, sin dal perfezionamento del contratto di leasing back, siano previsti meccanismi oggettivi che, in caso di inadempienza, permettano la verifica di congruenza tra valore del bene oggetto della garanzia (che viene definitivamente acquisito al creditore) e l'entità del credito.

Affinché la clausola marciana possa conseguire un effetto legalizzante del contratto di lease back, occorre pertanto che essa preveda un procedimento volto alla stima del bene, entro tempi certi e con modalità definite, che assicurino la presenza di una valutazione imparziale, in quanto ancorata a parametri oggettivi automatici, oppure affidata a persona indipendente ed esperta, al fine della corretta determinazione della eventuale differenza da corrispondere all'utilizzatore/debitore.

Questo è quanto hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione con la sentenza numero 1625/15.

15 febbraio 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il patto marciano e la tutela del debitore nel contratto di leasing back. Clicca qui.

Stai leggendo Il patto marciano e la tutela del debitore nel contratto di leasing back Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 15 febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - conto corrente servizi bancari prodotti finanziari prestiti leasing mutui carte di credito e revolving Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca