Impugnazione dell'atto di decurtazione dei punti patente

Patente a punti » Ecco come impugnare la decurtazione

In caso di decurtazione dei punti della patente, qualora si pensi sia ingiusta, per la presentazione del ricorso non è necessario attendere la comunicazione dell'Anagrafe nazionale.

In caso di sanzione, la quale comporti una decurtazione dei punti dalla patente, infatti, l'automobilista che voglia fare opposizione non deve attendere la comunicazione di avvenuta variazione dei punti che viene effettuata dall'Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida una volta che il procedimento sanzionatorio si sia ormai concluso.

Al contrario, deve proporre opposizione davanti al giudice di pace già contro il preavviso di detta decurtazione, preavviso che è contenuto nel verbale di accertamento con la multa e la richiesta di pagamento.

Questo l'orientamento della Cassazione espresso con sentenza 3936/12.

Impugnare correttamente la decurtazione dei punti della patente

Quando ad un'automobilista viene elevata una sanzione che comporta anche una decurtazione dei punti della patente, per prima cosa l'autorità che ha accertato la violazione ne dà notizia, entro trenta giorni dalla definizione della contestazione, all'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida.

Ogni variazione di punteggio, infatti, è comunicata agli interessati dall'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida. Così, ciascun conducente può controllare in tempo reale lo stato della propria patente con le modalità indicate dal Dipartimento per i trasporti terrestri.

Va detto, però, che il verbale di accertamento della violazione cui consegue l'applicazione della sanzione accessoria della decurtazione dei punti dalla patente di guida, è l'unico provvedimento amministrativo impugnabile.

Al di fuori di esso, non vi sono atti contro cui il conducente possa proporre ricorso al giudice.Le comunicazioni previste dall'articolo 126-bis del codice della strada sono prive di contenuto provvedimentale. In parole povere, sono semplici comunicazioni all'interessato della variazione.

Pertanto, in caso si voglia effettuare un ricorso, l'atto da impugnare resta sempre e soltanto il verbale di contestazione originario, quello, insomma, in cui viene comunicata la multa vera e propria.

2 aprile 2014 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale ...
Punti patente e corsi di recupero » Non serve comunicazione ufficiale
Per poter partecipare ai corsi per il recupero dei punti patente non è più obbligatorio aver ricevuto la comunicazione di decurtazione da parte del Dipartimento dei Trasporti Terrestri. Da ora, si potranno iscrivere anche gli automobilisti che abbiano avuto conoscenza della decurtazione per vie informali. Lo ha chiarito il Ministero ...
La multa - istanza di contestazione e di riattribuzione dei punti decurtati dalla patente
La patente a punti è un sistema, introdotto in Italia dal 1  luglio 2003,  attraverso il quale ad ogni titolare di patente di guida è stato attribuito un punteggio (20 punti) che viene decurtato in seguito  a violazioni   del codice della strada. Resta tuttavia possibile la sanzione accessoria della sospensione ...
Multa con decurtazione punti patente » Fornisci un nome falso? Rischi il carcere
Rischia il carcere chi paga la multa ma poi dà il nome di un dipendente per il taglio dei punti-patente. Infatti, integra il reato di falsità ideologica, commessa dal privato in atto pubblico, la condotta dell'intestatario del veicolo sanzionato per violazione del codice della strada che indica alle autorità le ...
Decurtazione punti patente - Il ricorso avverso la violazione principale non esenta dall'obbligo di comunicare i dati del conducente
Com'è noto, in caso di violazione al codice della strada da cui consegua la sanzione amministrativa accessoria della decurtazione dei punti della patente, qualora non sia stato possibile procedere, con la contestazione immediata, all'identificazione del trasgressore, il proprietario del veicolo deve fornire all'organo di polizia che procede, entro sessanta giorni ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su impugnazione dell'atto di decurtazione dei punti patente. Clicca qui.

Stai leggendo Impugnazione dell'atto di decurtazione dei punti patente Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 2 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 giugno 2018 Classificato nella categoria contenzioso ricorso opposizione al verbale di multa Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca