Indice del post parcheggi non saldati in croazia e richieste di pagamento: che fare?

E' diventato un vero e proprio rebus quello delle migliaia di richieste di pagamento, inviate a cittadini Italiani e provenienti dalla Croazia (qualcuna anche dalla Serbia), in ragione di presunti parcheggi a tariffa, mai saldati, effettuati con i propri veicoli durante un soggiorno vacanziero. La domanda, che i malcapitati si pongono, sorge spontanea: è meglio pagare, opporsi, o lasciare tutto com'è? Affrontiamo la spinosa questione con questo intervento. Come accennato, molti turisti italiani si sono visti recapitare un bel souvenir dopo una vacanza sulla costa istriana o dalmata: infatti, "googlando" nel web, è possibile prendere visione di numerosissime segnalazioni [ ... leggi tutto » ]

Vi raccontiamo brevemente la spinosa questione dei decreti ingiuntivi arrivati a cittadini italiana a causa di parcheggi privati non pagati in Croazia. Quella che ci apprestiamo ad illustrare è una spiacevolissima situazione capitata a molti turisti italiani in seguito ad una vacanza in Croazia. Come accennato nel paragrafo precedente, molti cittadini italiani si sono visti recapitare a casa una specie di decreto ingiuntivo nostrano, più precisamente un decreto di esecuzione, per ipotetici parcheggi privati non pagati in Croazia. Il documento si presenta con un cordoncino con i colori della bandiera croata, e prevede l’esecuzione sui beni mobili. Al decreto, [ ... leggi tutto » ]

Vediamo quale sarebbe il procedimento corretto per il recupero di crediti transfrontaliero nell'ambito dell'Unione Europea: vi spieghiamo come funziona l'ingiunzione di pagamento europea. Le procedure legali riconosciute per il recupero crediti transfrontaliero nell'ambito dell'Unione Europea sono le seguenti: titolo esecutivo europeo ingiunzione di pagamento europea controversie di modesta entità Qualora un credito da recuperare non superi i 2000 euro è possibile attivare il procedimento europeo per le controversie di modesta entità. Se si ritiene però che il debitore non contesterà il credito, si può ricorrere anche al titolo esecutivo europeo o all'ingiunzione di pagamento europea. È importante sapere che [ ... leggi tutto » ]

Chiariamo la questione dell'illegittimità del termine di 8 giorni su cui si basa l'ipotetico ricorso da presentare, specificato nel decreto di esecuzione croato, chiarendo come funziona un'ingiunzione di pagamento europea. Da quanto si evince dal paragrafo precedente, la corretta procedura, per il recupero crediti europeo, che si sarebbe dovuta applicare nel merito della questione dei parcheggi non pagati in Croazia, è quella dell'ingiunzione di pagamento europea. Dunque, ribadiamo, seguendo la corretta prassi, chi intraprende il procedimento di ingiunzione di pagamento europea, deve presentare la domanda compilando il modulo A, che deve riportare il nome e l'indirizzo delle parti (ricorrente [ ... leggi tutto » ]

Ecco alcuni consigli da seguire per chi, pur avendo chiare le nozioni esplicate nel paragrafo precedente, riguardanti le violazioni del decreto di esecuzione croato sulla normativa europea dell'ingiunzione di pagamento, abbia comunque il dubbio che il termine di otto giorni per presentare ricorso sia ugualmente valevole. Abbiamo ampiamente chiarito che il termine di otto giorni assieme alle modalità, nell'ambito di un ricorso contro il decreto ingiuntivo per parcheggi non pagati in Croazia, sono effettivamente in contrasto con qualsiasi normativa europea che permetta il recupero crediti transfrontaliero nell'ambito di stati membri dell'Ue. Avendo, però, la questione suscitato ancora parecchi dubbi, [ ... leggi tutto » ]

23 agosto 2015 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo anche se c'è opposizione del debitore
Per ridurre i tempi di recupero dei crediti vengono adottati termini più brevi per la facoltà dei debitori di fare opposizione agli atti dell'esecuzione: il giudice deve disporre la provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo per le somme non contestate, anche in presenza di una opposizione del debitore. Così stabilisce ...
Termine di 30 giorni per opporsi ad una cartella esattoriale per omessa notifica del verbale di multa
L'articolo 7 del DL 150/2011, articolo 7, (intitolato dell'opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada, prevede, al comma 3, che il ricorso è proposto, a pena di inammissibilità, entro trenta giorni dalla data di contestazione della violazione o di notifica del verbale di accertamento (sessanta se ...
Per contestare gli oneri condominiali posti a proprio carico, iInutile opporsi al decreto ingiuntivo, bisogna impugnare la delibera assembleare di approvazione e ripartizione della spesa
La delibera dell'assemblea di condominio che approva la spesa e la ripartisce tra i condomini costituisce titolo di credito del condominio e, di per sé, prova l'esistenza di tale credito e legittima non solo la concessione del decreto ingiuntivo, ma anche la condanna del condomino ricorrente a pagare le somme ...
Decreto ingiuntivo non notificato correttamente? I rimedi: opposizione all'esecuzione ed opposizione tardiva
In caso di esecuzione forzata, iniziata con un decreto ingiuntivo non notificato correttamente, gli unici rimedi per il debitore sono presentare l'opposizione all'esecuzione o l'opposizione tardiva. In tema di esecuzione forzata avviata sulla base di un decreto ingiuntivo, infatti, occorre distinguere tra l'ipotesi di deduzione della inesistenza della relativa notificata ...
Recupero crediti in ambito comunitario
Vi è già capitato di fare acquisti su Internet da un altro paese dell'Unione europea, che poi non avete più ricevuto? O di comprare un computer in vacanza per scoprire, arrivati a casa, che non funziona? O ancora di avere affidato la ristrutturazione della casa di villeggiatura a un'impresa che ...

Spunti di discussione dal forum

Croazia Diritti e Multe
Vorrei illustrare una spiacevolissima situazione capitatami in seguito ad una vacanza in Croazia. Non sto a raccontarti di una multa che non voglio pagare ma di una probabile truffa ai danni di parecchie persone.
 Nell'agosto 2013 vacanza in Croazia, con l'auto intestata a mia madre. Nel marzo 2015 ricevo la…
Decreto ingiuntivo dalla Croazia per ticket parcheggio non pagato
In data 12/03/15 mi è stato notificato, tramite raccomandata, un decreto esecutivo di pagamento richiesto da un avvocato croato e rilasciato da un notaio dello stesso paese riguardante un ticket di parcheggio non pagato nell’agosto 2010. Lo deduco dalla presenza della targa della mia autovettura e dal nominativo del presunto…
Richiesta pagamento per ticket parcheggio non versato in croazia e decreto di esecuzione/ingiuntivo
L'altro giorno ho ricevuto a casa una raccomandata da uno studio legale croato ad oggetto ricorso per ottenere un decreto di esecuzione, riguardante un ticket di parcheggio non pagato nell'agosto 2011 mentre ero in vacanza lì. Ora mi chiedono di versare sul conto IBAN dell'avvocato un ammontare di 177 euro…
Diffida ad adempiere per parcheggio in Croazia – Pagare o non pagare?
Ho ricevuto diffida adempiere per presunta multa non pagata in croazia nel 2015, dall'avvocato Pacheco Vinkovic con 8 giorni di tempo per effettuare il bonifico (260 euro circa), pena l'attivazione del procedimento di esecuzione da parte della magistratura croata. Non ho prove per dimostrare nè che il parcheggio l'avevo regolarmente…
Diffida ad adempiere per multa in Croazia – E’ normale che l’importo sia 20 volte maggiore della sanzione originaria?
In riferimento a questo topic, vorrei aggiungere quanto segue: io pago sempre i parcheggi in Croazia tramite telefono disponendo di sim croata, non posso però escludere che abbia tardato o l'operazione non sia andata a buon fine una volta, visto che la foto inviatami è della mia auto effettivamente. Tenderei…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post parcheggi non saldati in croazia e richieste di pagamento: che fare?. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Parcheggi non saldati in Croazia e richieste di pagamento: Che fare? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 23 agosto 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 9 dicembre 2016 Classificato nella categoria recupero crediti all'estero Inserito nella sezione recupero crediti.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Vuoi fare una domanda?