indice del post parcheggi non saldati in croazia e richieste di pagamento: che fare?

Parcheggi privati non saldati in Croazia: il grande dilemma delle richieste di pagamento » Meglio pagare oppure opporsi?

E' diventato un vero e proprio rebus quello delle migliaia di richieste di pagamento, inviate a cittadini Italiani e provenienti dalla Croazia (qualcuna anche dalla Serbia), in ragione di presunti parcheggi a tariffa, mai saldati, effettuati con i propri veicoli durante un soggiorno vacanziero. La domanda, che i malcapitati si pongono, sorge spontanea: è meglio pagare, opporsi, o lasciare tutto com'è? Affrontiamo la spinosa questione con questo intervento. Come accennato, molti turisti italiani si sono visti recapitare un bel souvenir dopo una vacanza sulla costa istriana o dalmata: infatti, "googlando" nel web, è possibile prendere visione di numerosissime segnalazioni [ ... leggi tutto » ]


La questione delle richieste di pagamento per parcheggi privati non pagati in Croazia nel dettaglio

Vi raccontiamo brevemente la spinosa questione dei decreti ingiuntivi arrivati a cittadini italiana a causa di parcheggi privati non pagati in Croazia. Quella che ci apprestiamo ad illustrare è una spiacevolissima situazione capitata a molti turisti italiani in seguito ad una vacanza in Croazia. Come accennato nel paragrafo precedente, molti cittadini italiani si sono visti recapitare a casa una specie di decreto ingiuntivo nostrano, più precisamente un decreto di esecuzione, per ipotetici parcheggi privati non pagati in Croazia. Il documento si presenta con un cordoncino con i colori della bandiera croata, e prevede l’esecuzione sui beni mobili. Al decreto, [ ... leggi tutto » ]


I procedimenti corretti per il recupero di crediti nell'ambito dell'Unione Europea: dall'ingiunzione di pagamento europea al titolo esecutivo europeo

Vediamo quale sarebbe il procedimento corretto per il recupero di crediti transfrontaliero nell'ambito dell'Unione Europea: vi spieghiamo come funziona l'ingiunzione di pagamento europea. Le procedure legali riconosciute per il recupero crediti transfrontaliero nell'ambito dell'Unione Europea sono le seguenti: titolo esecutivo europeo ingiunzione di pagamento europea controversie di modesta entità Qualora un credito da recuperare non superi i 2000 euro è possibile attivare il procedimento europeo per le controversie di modesta entità. Se si ritiene però che il debitore non contesterà il credito, si può ricorrere anche al titolo esecutivo europeo o all'ingiunzione di pagamento europea. È importante sapere che [ ... leggi tutto » ]


Come devono agire i cittadini italiani che hanno ricevuto una richiesta di pagamento per parcheggi privati non pagati in Croazia presupponendo che il termine del ricorso di 8 giorni non sia legittimo

Chiariamo la questione dell'illegittimità del termine di 8 giorni su cui si basa l'ipotetico ricorso da presentare, specificato nel decreto di esecuzione croato, chiarendo come funziona un'ingiunzione di pagamento europea. Da quanto si evince dal paragrafo precedente, la corretta procedura, per il recupero crediti europeo, che si sarebbe dovuta applicare nel merito della questione dei parcheggi non pagati in Croazia, è quella dell'ingiunzione di pagamento europea. Dunque, ribadiamo, seguendo la corretta prassi, chi intraprende il procedimento di ingiunzione di pagamento europea, deve presentare la domanda compilando il modulo A, che deve riportare il nome e l'indirizzo delle parti (ricorrente [ ... leggi tutto » ]


Come devono agire i cittadini italiani che hanno ricevuto una richiesta di pagamento per parcheggi privati non pagati in Croazia presupponendo che il termine del ricorso di 8 giorni sia valevole

Ecco alcuni consigli da seguire per chi, pur avendo chiare le nozioni esplicate nel paragrafo precedente, riguardanti le violazioni del decreto di esecuzione croato sulla normativa europea dell'ingiunzione di pagamento, abbia comunque il dubbio che il termine di otto giorni per presentare ricorso sia ugualmente valevole. Abbiamo ampiamente chiarito che il termine di otto giorni assieme alle modalità, nell'ambito di un ricorso contro il decreto ingiuntivo per parcheggi non pagati in Croazia, sono effettivamente in contrasto con qualsiasi normativa europea che permetta il recupero crediti transfrontaliero nell'ambito di stati membri dell'Ue. Avendo, però, la questione suscitato ancora parecchi dubbi, [ ... leggi tutto » ]


23 Agosto 2015 · Andrea Ricciardi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post parcheggi non saldati in croazia e richieste di pagamento: che fare?. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Parcheggi non saldati in Croazia e richieste di pagamento: Che fare? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 23 Agosto 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 6 Giugno 2018 Classificato nella categoria recupero crediti all'estero Inserito nella sezione recupero crediti.

Domande

Forum

Privacy

Home

Cerca per tag

Altre Info

Cerca