Pagare le fiches con assegni scoperti e non subire azione esecutiva

Esaminiamo il caso di assegni consegnati ad un casinò francese dal giocatore italiano per procurarsi delle fiches e rimasti insoluti per mancanza di provvista.

La normativa internazionale vigente da prendere in considerazione è quella del paese in cui la parte che deve fornire la prestazione caratteristica ha, al momento della conclusione del contratto, la propria residenza abituale o, se si tratta di una società, associazione o persona giuridica, la propria amministrazione centrale. Ebbene, se la prestazione caratteristica del contratto posto in essere dalle parti è individuata nella dazione delle fiches da parte di un casinò ubicato in Francia, è ritenuta corretta l’individuazione della legge francese.

La Corte di cassazione francese ha stabilito, al riguardo, che, se è pur vero che il cliente di un casinò la cui attività è autorizzata dalla legge e regolamentata dai pubblici poteri non può avvalersi del disposto dell’art. 1965 del code civil (la legge non accorda alcuna azione per il debito di gioco o per il pagamento di una scommessa) deve, tuttavia, da ritenersi che tale affermazione di principio non si attagli al caso in cui il debito in questione si riferisca a prestiti concessi dal casinò per alimentare il gioco.

I giudici della Corte di cassazione italiana (sentenza 21712/15) hanno dunque ritenuto che non può essere esclusa, a favore del cliente italiano del casinò francese, l’applicazione del disposto dell’articolo 1965 del codice civile francese, ovvero che non può essere accordata alcuna azione esecutiva per il debito di gioco, anche se conseguente al pagamento delle fiches con assegni scoperti.

28 Ottobre 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegni scoperti – niente revoca e iscrizione CAI se si paga entro 60 giorni
Se abbiamo emesso quello che si indica comunemente come assegno "a vuoto" o "scoperto", possiamo in parte rimediare attraverso il pagamento tardivo da effettuarsi entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione. Eviteremo così le sanzioni pecuniarie e la revoca di sistema, che consiste nell'ulteriore divieto di emettere assegni. ...

Assegni scoperti, protesto, segnalazione in CAI, pagamento tardivo, riabilitazione - Tips and tricks
A proposito di assegni scoperti, protesto di un assegno privo di copertura, iscrizione in Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), pagamento tardivo e riabilitazione dal protesto, non tutti sanno che: L'assegno bancario o postale deve essere presentato al pagamento in tempo utile, ovvero nel termine di otto giorni, decorrenti dalla data indicata sul modulo, se è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso; nel termine di quindici giorni se pagabile in comune diverso da quello in cui è stato emesso; nel termine di trenta giorni se è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui è stato emesso ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pagare le fiches con assegni scoperti e non subire azione esecutiva. Clicca qui.

Stai leggendo Pagare le fiches con assegni scoperti e non subire azione esecutiva Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 28 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 28 Ottobre 2015 Classificato nella categoria assegno - clausole e situazioni particolari Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)