Indice del post pagamenti con pos » cambiano le direttive per i professionisti

Dalla pubblicazione del Decreto Sviluppo Bis DL 179/2012 convertito con legge 221/2012, è chiaro che la possibilità di pagamento con il POS diverrà obbligatorio per professionisti, avvocati ed imprese dal 30 giugno 2014. Per i pochissimi che non ne avessero mai utilizzato o addirittura visto uno, il POS (Point of Sale) è quel dispositivo che permette di ricevere i pagamenti dai clienti tramite carta di credito, carta di debito, bancomat e prepagate. Disporre di uno di questi device non è gratuito, si paga per la sua abilitazione, per la sua installazione e non di rado essi sono associati a [ ... leggi tutto » ]

Andiamo per ordine: a prevedere questa diversa disposizione sui pagamenti elettronici è il Decreto Legge numero 179 del 18 ottobre 2012, convertito, con modificazioni dalla legge numero 221 del 17 dicembre 2012. Il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle finanze, sulla base di quanto previsto dall'articolo 15, comma 5 del D. legge 179/2012, ha emesso il Decreto Interministeriale del 24 gennaio 2014 contenente le disposizioni operative che introducono di fatto l’obbligo dopo il 30 giugno 2014. L’articolo 15, comma 4, del Decreto Legge numero 179 del 2012, da dove tutto ha origine, prevedeva [ ... leggi tutto » ]

Il Decreto Interministeriale del 24 gennaio 2014 contiene tre articoli. L’articolo 1 stabilisce le definizioni: Ai fini del presente decreto si intendono per: carta di debito: strumento di pagamento che consente al titolare di effettuare transazioni presso un esercente abilitato all'accettazione della medesima carta, emessa da un istituto di credito, previo deposito di fondi in via anticipata da parte dell'utilizzatore, che non finanzia l'acquisto ma consente l’addebito in tempo reale; circuito: piattaforma costituita dal complesso di regole e procedure che consentono di effettuare e ricevere pagamenti attraverso l’utilizzo di una determinata carta di pagamento; consumatore o utente: la persona [ ... leggi tutto » ]

Il comma 1 dell'articolo 2, infatti, chiarisce che che l’obbligo di accettare pagamenti effettuati attraverso carte di debito di cui all'articolo 15, comma 4, del decreto-legge 18 ottobre 2012, numero 179, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, numero 221, si applica a tutti i pagamenti di importo superiore a trenta euro disposti a favore dei soggetti di cui all'articolo 1, lettera d) (ossia l’esercente, impresa o professionista), per l'acquisto di prodotti o la prestazione di servizi. Concludendo, veniamo all'articolo 2 comma 2, che tratta del rinvio a giugno 2014 tranne per chi fattura meno di 200.000 euro. [ ... leggi tutto » ]

In parole povere, il testo della normativa dispone l’obbligo di accettare le carte di debito per i pagamenti, il quale si applica a tutte le transazioni di importo superiore ai 30 euro. Fino al 30 giugno 2014, però, vale solo per le attività commerciali o professionali che abbiano un fatturato, relativamente all'anno precedente superiore a 200 mila euro. L’entrata in vigore, come accennato, è prevista dopo 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, mentre entro i successivi 90 giorni potranno essere definite, con un ulteriore decreto, le modalità di adeguamento per i soggetti con fatturato inferiore a 200 mila [ ... leggi tutto » ]

5 febbraio 2014 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Spunti di discussione dal forum

Ricorsi per multe e bolli auto – Chiarimenti su prescrizione e procedure
Ci è arrivata una cartella Agenzia Entrate Riscossione in riferimento ad una multa del comune di Novara: per presentare il ricorso dobbiamo presentarlo all'agenzia delle Entrate o al comune sopratutto per quanto concerne la sospensione della procedura esecutiva? Inoltre ci è arrivata una ingiunzione di pagamento da parte della Soris…
Fondo patrimoniale costituito da fideiussore
A gennaio 2010 ho prestato fideiussione verso una banca per un società dove ero socio: la banca aveva concesso un affidamento per 50 mila euro circa e la società, fino a ottobre 2012, ne ha utilizzato in media 30 mila euro. A giugno 2011 ho comprato una casa e ho…
Notifica atti a mezzo posta – Data di perfezionamento della notifica per notificante e destinatario
Annullamento per autotutela: ricevo un avviso di raccomandata (modello 26) e il 21 gennaio 2015 ritiro l'atto riguardante una ammenda per una riduzione ici del 2009. Il timbro postale sulla busta era del 19 dicembre 2014, poi viene timbrato dall'ufficio postale dove l'ho ritiro in data 22 gennaio 2015 Quindi…
Contributi INPS – Imprenditore o procacciatore d’affari?
Ho aperto partita Iva in regime di vantaggio per l'imprenditoria giovanile ex articolo 27 commi 1 e 2 legge 98/2011 a gennaio 2013, e mi sono iscritta alla Camera di Commercio sezione speciale Impresa Individuale a gennaio 2013 con inizio attività 28/01/2013 ed iscritta ad INPS Gestione Commercianti sede MILANO…
Risoluzione anticipata del contratto di locazione – Posso fare opposizione al decreto ingiuntivo?
La questione nasce dalla necessità di risoluzione anticipata ai sensi dell'articolo 1456 del codice civile di un contratto di affitto da me stipulato come conduttore. Nel contratto è specificato l'obbligo di preavviso almeno 6 mesi prima (punto 2: Durata. [...] Il conduttore qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi…

Link a ritroso

Stai leggendo Indice del post Pagamenti con POS » Cambiano le direttive per i professionisti Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 5 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 16 dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica .

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Vuoi fare una domanda?