Le sanzioni in caso di non reperibilità durante le visite fiscali

Ecco quali sono le sanzioni in caso di non reperibilità durante le visite fiscali.

Per il lavoratore che si assenta da lavoro in caso di malattia e che non risultasse reperibile presso l'indirizzo indicato nel caso di visita fiscale durante le fasce di reperibilità è prevista l'applicazione di sanzione per assenza ingiustificata.

In caso di assenza e di non reperibilità durante le fasce orarie previste per le visite fiscali, secondo regole diverse per dipendenti pubblici o privati, o nel caso di impossibilità per il medico di accesso o di controllo, al lavoratore viene decurtata una parte dello stipendio.

Le sanzioni per assenza durante gli orari visite fiscali sono le seguenti:

  • 100% della decurtazione della retribuzione per i primi 10 giorni di patologia;
  • 50% per le successive giornate.

I lavoratori assenti dall'indirizzo indicato per le visite fiscali possono comunque presentare, entro 15 giorni dalla notificata sanzione, una giustificazione valida per l'assenza immotivata.

Infatti, nonostante sia stabilito l'obbligo di reperibilità per il lavoratore nelle fasce orarie precedentemente indicate, sono previsti alcuni casi di esenzione.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Anonimo 11 aprile 2018 at 15:27

    Salve sono insegnante in malattia per sciatica per 13 giorni, oggi è morto mio padre, come posso allontanarmi da casa ? Posso sospendere la malattia? In che modo?

    • Ornella De Bellis 11 aprile 2018 at 15:46

      L’assenza alla visita di controllo, per non essere sanzionata con la perdita del trattamento economico di malattia, può essere giustificata, oltre che dal caso di forza maggiore, da ogni situazione, la quale, ancorché non insuperabile e nemmeno tale da determinare, ove non osservata, la lesione di beni primari, abbia reso indifferibile altrove la presenza personale dell’assicurato (Cassazione, sentenza n. 22065/2004).

      E mi sembra pacifico che il decesso del proprio genitore possa essere considerato come situazione che abbia reso indifferibile, altrove, la presenza personale del lavoratore in malattia.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande