Opposizione a precetto - spese legali non conformi a tariffe vigenti

È giurisprudenza consolidata che l’opposizione a precetto può configurare sia opposizione all’esecuzione (articolo 615 del codice di procedura civile) sia opposizione agli atti esecutivi (articolo 617 del codice di procedura civile), a seconda che il debitore contesti l’ammontare della somma con esso ingiunta ovvero ne chieda la nullità per vizi formali.

L’opposizione a precetto, quando configura opposizione all’esecuzione, comporta, in caso di accoglimento, l’idoneità dell’atto, sia pure per minore ammontare, a fungere da presupposto per l’esecuzione.

Invece, l’opposizione a precetto, quando configura opposizione agli atti esecutivi, comporta, in caso di accoglimento, che l’atto debba essere rinnovato.

In particolare, integra opposizione all’esecuzione, non agli atti esecutivi, quella proposta dal debitore sottoposto ad esecuzione per contestare che possano essergli richieste determinate spese portate dal precetto, investendo essa, sia pure limitatamente alle spese, il diritto dell’istante di procedere ad esecuzione forzata.

La contestazione, con la quale l’intimato dichiara che nell’atto di precetto sono state chieste somme non dovute per le spese (per esempio, in quanto non conformi alle tariffe legali professionali in vigore) investe una questione che involge il diritto sostanziale del creditore a procedere coattivamente e pone in discussione il diritto sostanziale del creditore a conseguire il credito per come compiutamente risulta indicato nell’atto di precetto.

Questo l’orientamento dei giudici della Corte di cassazione nella sentenza 6102/13.

6 Ottobre 2014 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Opposizione all'esecuzione del debitore esecutato e del terzo pignorato - ammissibile anche oltre il termine di cinque giorni dalla notifica del precetto
In materia di esecuzione forzata, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che, con la prima, si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del titolo esecutivo ovvero – nell'esecuzione per espropriazione – della pignorabilità dei beni, mentre, con la seconda, si contesta solo la legittimità dello svolgimento dell'azione esecutiva attraverso il processo, deducendosi l'esistenza di vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo esecutivo e di quelli preliminari all'azione esecutiva. L'opposizione a precetto con la quale il debitore ...

Opposizione all'esecuzione da parte del terzo pignorato
Com'è noto, il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione e l'opposizione agli atti esecutivi si individua considerando che con l'opposizione agli atti esecutivi si contesta solo la legittimità dello svolgimento dell'azione esecutiva attraverso il processo, deducendosi l'esistenza di vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo esecutivo e di quelli preliminari all'azione esecutiva. Invece, con l'opposizione all'esecuzione, si contesta l'an dell'esecuzione, cioè il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del titolo esecutivo ovvero - nell'esecuzione per espropriazione - della pignorabilità dei beni. L'opposizione agli atti esecutivi va proposta ...

Emissione decreto ingiuntivo - Le spese legali sostenute successivamente non possono essere intimate tramite precetto
Qualora il debitore abbia pagato per intero la somma indicata nel titolo esecutivo, comprensiva delle spese processuali ivi liquidate, il creditore non può, successivamente a tale pagamento, intimare precetto, sulla base dello stesso titolo, per il pagamento delle spese processuali sostenute dopo l'emissione di quest’ultimo e necessarie per la sua notifica, dovendo, per tali spese, esperire l'azione di cognizione ordinaria; infatti, una volta che l'obbligazione derivante dal titolo sia stata adempiuta, il titolo medesimo perde la propria efficacia esecutiva, con conseguente impossibilità giuridica della notifica del precetto. A tale conclusione sono pervenuti i giudici della Corte di cassazione con la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su opposizione a precetto - spese legali non conformi a tariffe vigenti. Clicca qui.

Stai leggendo Opposizione a precetto - spese legali non conformi a tariffe vigenti Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 6 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria decreto ingiuntivo opposizione a decreto ingiuntivo e al precetto opposizione ad esecuzione e agli atti esecutivi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)