Opposizione agli atti esecutivi » termine per il terzo esecutato

In tema di opposizione agli atti esecutivi vale il principio secondo il quale il momento del compimento dell’atto dal quale decorre il termine perentorio di venti giorni per la proposizione dell’opposizione, coincide con il momento in cui l’esistenza di esso è resa palese alle parti del processo esecutivo e, quindi, con il momento in cui l’interessato ha avuto legale conoscenza dell’atto, ovvero di un atto successivo che necessariamente lo presuppone.

Ora, è pur vero che le ordinanze pronunciate in udienza si ritengono conosciute dalle parti presenti e da quelle che dovevano comparirvi. Tuttavia, va ricordato che la normativa vigente non prevede l’obbligo del terzo a comparire davanti al giudice dell’esecuzione se non per il pignoramento di stipendi, pensioni ed altri crediti di lavoro.

Ed invero non è pensabile che il termine per l’impugnazione di un provvedimento che coinvolge comunque la posizione giuridica del terzo cominci a decorrere nei confronti del medesimo da un evento del quale egli non abbia la legale conoscenza, come può essere la data dell’udienza in cui viene emessa l’ordinanza di assegnazione, alla quale il terzo non è tenuto, per legge, a partecipare.

Peraltro, ove venga emessa un’ordinanza di assegnazione, è evidente interesse del creditore a comunicarla al più presto al terzo, onde garantirsi che questi paghi a lui e non al debitore.

Qualora poi, per una qualsiasi ragione, ciò non dovesse avvenire, si pone il problema di bilanciare due esigenze tra loro contrapposte ed entrambe meritevoli di tutela: da un lato, quella di garantire stabilità nel più breve tempo possibile ai provvedimenti emessi in fase di esecuzione; dall’altro, quella di evitare che il diritto del terzo possa essere a sua insaputa sacrificato, non consentendogli di contestare (con l’apposito strumento dell’opposizione agli atti esecutivi) il provvedimento di assegnazione nei termini stabiliti dalla legge.

Pertanto in tema di espropriazione forzata presso terzi, ove si tratti di espropriazione di un credito per il quale non è previsto l’obbligo del terzo a comparire (pignoramento stipendi, pensioni ed altri crediti di lavoro al fine di relazionare il giudice di quali cose o di quali somme egli è debitore del debitore) il termine per proporre opposizione agli atti esecutivi, avverso l’ordinanza di assegnazione, decorre dal momento in cui il terzo ne abbia legale conoscenza, tramite comunicazione da parte del creditore, e non dalla data di emissione del provvedimento stesso.

Così hanno deciso i giudici di legittimità nella sentenza numero 11642 del 26 maggio 2014.

1 Giugno 2014 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Presunzione legale di proprietà - opposizione del terzo agli atti esecutivi
Tutti i beni mobili rinvenuti nella residenza del debitore, si presumono di appartenenza del debitore (Cass., 29 agosto 1994, numero 7564; Cass., 11 aprile 1986,n. 2553). Trattasi di presunzione iuris tantum che potrà essere vinta dal terzo che si assuma proprietario dei beni pignorati attraverso il rimedio dell'opposizione di terzo all'esecuzione (vedi articoli 619 seguenti codice di procedura civile), ferme le limitazioni alla prova testimoniale previste da questo particolare mezzo di opposizione (vedi articolo 621 codice di procedura civile). Questa presunzione opera nei riguardi di qualsiasi persona convivente con il debitore, compresi i familiari e lo stesso coniuge, restando irrilevante ...

Opposizione agli atti esecutivi - Inutile proporla dopo la vendita e l'assegnazione del bene espropriato
E' inammissibile l'opposizione agli atti esecutivi con cui il debitore denunzi un vizio formale verificatosi prima della vendita (o dell'assegnazione) proposta dopo che la vendita sia stata compiuta (o l'assegnazione sia stata disposta), atteso che il codice civile dispone che la nullità degli atti esecutivi che hanno preceduto la vendita non ha effetto riguardo all'acquirente o all'assegnatario, salvo il caso di loro collusione con il creditore procedente. Gli altri creditori non sono in nessun caso, tenuti a restituire, quanto hanno ricevuto per effetto dell'esecuzione. La norma, pertanto, dà risalto solo a tale collusione, che presuppone una dolosa preordinazione della condotta ...

Opposizione all'esecuzione e opposizione agli atti esecutivi - differenze
L'opposizione all'esecuzione è volta a contestare il diritto di promuovere l'esecuzione per inesistenza, invalidità od inefficacia del titolo esecutivo e, in genere per sopravvenienza di fatti impeditivi od estintivi del diritto all'esecuzione. L'opposizione agli atti esecutivi attiene invece è volta, INVECE, a denunziare l'esistenza dei vizi formali degli atti compiuti o dei provvedimenti adottati nel corso del processo esecutivo e delle irregolarità formali di quelli preliminari all'azione esecutiva come il precetto, il titolo esecutivo e le relative notifiche. Il principio è stato enunciato dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza numero 15561/01. Inoltre, le opposizioni relative alla regolarità formale ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su opposizione agli atti esecutivi » termine per il terzo esecutato. Clicca qui.

Stai leggendo Opposizione agli atti esecutivi » termine per il terzo esecutato Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 1 Giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)