Opposizione a fermo amministrativo - giudice competente se il credito ha natura mista

Cosa accade se viene disposto da Equitalia fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore per il mancato pagamento di una serie di cartelle esattoriali di natura tributaria e non, ed il debitore decide impugnare l'azione esecutiva? Qual è il giudice competente per proporre opposizione al fermo amministrativo del veicolo disposto dal Concessionario della riscossione?

Tanto per fissare le idee, supponiamo che l'importo iscritto a ruolo per cui procede Equitalia sia attribuibile al mancato pagamento nei 60 giorni previsti di una cartella esattoriale notificata per omesso o insufficiente pagamento della TARSU (Tassa Ambientale per i Rifiuti Solidi Urbani) e di altre cartelle notificate, invece al debitore, per l'omesso o insufficiente pagamento di sanzioni amministrative o multe per infrazione al Codice della Strada.

La giurisdizione sulle controversie relative al fermo amministrativo del veicolo appartiene al giudice tributario, solo quando il provvedimento impugnato concerne la riscossione di tributi.

Ove il fermo amministrativo concerna una pluralità di pretese, alcune delle quali di natura non tributaria ed altre invece di natura tributaria, e l'impugnazione sia stata proposta, anziché separatamente innanzi ai giudici diversamente competenti in relazione alla natura dei crediti posti a base del provvedimento di fermo contestato, unicamente dinanzi al giudice ordinario, questi deve trattenere la causa presso di sé in relazione ai crediti non tributari posti a fondamento dei provvedimento in questione, e rimettere la causa dinanzi al giudice tributario per la parte in cui il provvedimento si riferisce a crediti di natura tributaria.

Così hanno deciso i giudizi delle sezioni unite della Corte di cassazione nella sentenza numero 15425/14. In pratica per il debitore si tratta di una "mission impossible". Per ottenere la "liberazione" del bene fermato amministrativamente il debitore deve ottenere due giudizi favorevoli, uno dalla CTP competente per la TARSU e l'altra dal giudice di pace competente per le multe E, gli è andata pure bene: se una delle cartelle esattoriali fosse stata originata, per ipotesi, dall'omesso o insufficiente versamento di contributi, il povero debitore avrebbe dovuto rivolgersi anche al giudice del lavoro ...

9 luglio 2014 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su opposizione a fermo amministrativo - giudice competente se il credito ha natura mista. Clicca qui.

Stai leggendo Opposizione a fermo amministrativo - giudice competente se il credito ha natura mista Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 9 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di cartella esattoriale o di pagamento Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca