Sanzioni accessorie arresto in flagranza e accertamenti rafforzati per il nuovo reato di omicidio stradale

Con l'introduzione del nuovo reato di omicidio stradale e lesioni gravi/gravissime, sono previste ulteriori sanzioni accessorie, come arresto in flagranza, accertamenti rafforzati nonché procedure abbreviate.

Per il nuovo reato di omicidio stradale vengono fatte valere le regole di accertamento e controllo personale previste per gli omicidi non colposi, per esempio l'esecuzione coattiva con ordinanza del giudice per prelievo forzato di capelli, peli, mucosa del cavo orale ai fini peritali.

In più, i provvedimenti del giudice possono essere adottati anche oralmente, con successiva conferma scritta, nel caso di accertamenti dello stato di ebrezza o di alterazione da droghe, se il conducente si rifiutasse di sottoporsi al controllo e se fosse necessario procedere con urgenza per non pregiudicare le indagini.

In caso estremo l'interessato può anche essere accompagnato al più vicino ospedale per i necessari accertamenti e/o prelievi, con tempestiva notizia al suo eventuale difensore che può assistere senza però intervenire.

Procedure sveltite anche per i successivi provvedimenti del pubblico ministero e del giudice per le indagini preliminari (rinvio a giudizio, decreto di giudizio, citazione diretta, etc.).

Il Ministero dell'Interno ha inoltre chiarito che ai fini degli accertamenti potranno essere utili le risultanze di qualsiasi impianto di videosorveglianza presente nel luogo dell'incidente o anche di sistemi digitali posti a bordo dei veicoli (cronotachigrafo, scatola nera, etc.).

Inoltre, il nuovo reato di omicidio stradale viene incluso tra quelli per i quali il codice di procedura penale prevede l'arresto obbligatorio in flagranza.

Nel caso di lesioni stradali gravi o gravissime l'arresto è facoltativo, a discrezione degli agenti di polizia giudiziaria.

In ogni caso non è sottoposto all'arresto il conducente che si fermi ed eventualmente presti assistenza a coloro che hanno subito danni alla persona, mettendosi immediatamente a disposizione degli organi di polizia).

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca