Omesso versamento ritenuta d'acconto » Datore di lavoro e dipendente responsabili in solido

E' responsabile anche il dipendente nel caso in cui il datore non versi al fisco la ritenuta d'acconto.

Il lavoratore e il datore sono responsabili in solido per l'omesso versamento della ritenuta d'acconto. Il rapporto che si costituisce tra il sostituto d'imposta e il sostituito è quello di una obbligazione solidale passiva con il Fisco.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 19580/14.

Per poter comprendere l'importanza della pronuncia, chiariamo, innanzitutto, il significato di ritenuta d'acconto.

La ritenuta d'acconto è una trattenuta Irpef (o Ires) che viene effettuata sulle somme di denaro o bonifici che percepiamo dai nostri clienti o datori di lavoro, banche o istituti finanziari, detti anche sostituti di imposta.

Esistono tantissime tipologie di ritenute d'acconto anche se quelle più utilizzate ed applicate sono sempre le stesse.

Le ritenute possono essere a titolo di acconto e a titolo di imposta.

Nel primo caso significa che, fatto 10.000 l'onorario stabilito con un cliente, ci sarà applicata in alcuni casi (in estrema sintesi quando emettiamo una ricevuta o una fattura nei confronti di un soggetto titolare di partita Iva) una ritenuta del 20% a titolo di acconto ossia percepiremo solo 8.000 mentre 2.000 rappresentano un'anticipazione sulle imposte che andremo a pagare su quei 10.000 (il 23% a titolo di Irpef) meno le ritenute che già sono state versate per noi ossia per nostro conto dal nostro datore di lavoro o cliente.

Se invece fossero state a titolo di imposta le ritenute avrebbero potuto comunque avere come aliquota il 20% ma in questo caso la tassazione su quei 10.000 euro si esauriva con quel 20%.

Ebbene, vediamo quali sono le conseguenze del verdetto di piazza Cavour: d'ora in poi il creditore potrà chiedere l'integrale pagamento, indifferentemente, all'uno o all'altro soggetto obbligato. Praticamente, il fisco potrà bussare tanto alla porta del lavoratore quanto a quella dell'azienda, a proprio piacimento.

Da ciò ne deriva anche, però, che l'eventuale sentenza favorevole ottenuta da uno dei due soggetti, con cui venga dichiarato insussistente il debito, vada a vantaggio anche dell'altro coobbligato.

18 settembre 2014 · Stefano Iambrenghi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente
Nel caso di omissione del versamento o dell'adempimento tardivo dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dal datore di lavoro, quest'ultimo resta tenuto al pagamento dei contributi o delle parti di contributi non versate, tanto per la quota a proprio carico che per la quota a carico del lavoratore. Il datore ...
IRPEF - Ritenuta alla fonte
L'istituto della ritenuta alla fonte trova la propria disciplina nell'ambito delle disposizioni in materia di accertamento delle imposte sul reddito ed, in particolare, con riferimento ai redditi derivanti dall'esercizio di arti e professioni, nell'articolo 25 del DPR 29 settembre 1973, numero 600 (di seguito, per brevità, DPR numero 600 del ...
Accertamento sintetico - Redditi esenti o soggetti a ritenuta d'imposta possono giustificare le spese ed il tenore di vita accertato
Le norme vigenti (DPR 600/73, articolo 38) consentono al contribuente, destinatario un accertamento del reddito con metodo sintetico, di dimostrare, attraverso idonea documentazione, che il maggior reddito determinato o determinabile sinteticamente è costituito, in tutto o in parte, da redditi esenti o da redditi soggetti a ritenute alla fonte a ...
Termini di notifica delle cartelle esattoriali per omesso o insufficiente versamento di imposte sui redditi e IVA
Avvalendosi di procedure automatizzate, l'amministrazione finanziaria procede, entro l'inizio del periodo di presentazione delle dichiarazioni dei redditi relative all'anno successivo, alla liquidazione delle imposte, dei contributi e dei premi dovuti, nonché dei rimborsi spettanti in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d'imposta. Sulla base dei dati e ...
Omesso versamento IVA oltre le soglie penali » Anche se si beneficia della rateazione equitalia non si ottiene lo sconto della pena
In caso di mancato versamento dell'IVA, rateizzare il debito con Equitalia non serve per farsi scontare la pena: è necessaria, infatti, l'estinzione con l'integrale pagamento. In caso di omesso versamento IVA oltre le soglie penali, l'accoglimento del piano di rateazione, non è sufficiente per beneficiare della riduzione della pena. A ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su omesso versamento ritenuta d'acconto » datore di lavoro e dipendente responsabili in solido. Clicca qui.

Stai leggendo Omesso versamento ritenuta d'acconto » Datore di lavoro e dipendente responsabili in solido Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 18 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca