Omesso versamento IVA » Rateazione? Non si ottiene sconto della pena

In caso di mancato versamento dell’IVA, rateizzare il debito con Equitalia non serve per farsi scontare la pena: è necessaria, infatti, l’estinzione con l’integrale pagamento.

In caso di omesso versamento IVA oltre le soglie penali, l’accoglimento del piano di rateazione, non è sufficiente per beneficiare della riduzione della pena.

A tal fine, infatti, è necessario che il debito tributario sia completamente estinto.

Ciò è quanto disposto dalla Corte di Cassazione, sezione penale, con sentenza 37748/14.

Con la suddetta pronuncia, gli Ermellini ribadiscono, dunque, la teoria per cui l’attenuante speciale del pagamento del debito tributario non è applicabile in caso di rateizzazione del debito di imposta già iscritto a ruolo e indicato nella cartella esattoriale, perché che il riconoscimento del beneficio è subordinato all’integrale ed effettiva estinzione dell’obbligazione tributaria.

Il verdetto di piazza Cavour è di particolare importanza, poiché l’omesso versamento dell’IVA, ultimamente, è commesso spesso per necessità finanziare del contribuente.

Inoltre, proprio perché questo reato è perpetrato per assenza di liquidità, è abbastanza normale che l’imputato possa aderire alle diverse forme di rateazione.

Va, però, tenuto presente, che anche se la rateazione venga richiesta prima dell’emissione della cartella esattoriale e quindi con la notifica dell’avviso bonario, il reato in ogni caso è già consumato, essendo ancorato alla scadenza dell’acconto IVA dell’anno successivo.

L’unica ipotesi, quindi, per beneficiare dell’attenuante è di estinguere il debito prima dell’apertura del dibattimento in sede penale.

17 Settembre 2014 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rateazione della cartella esattoriale » Nuove regole: il beneficio decade con l'omesso pagamento di cinque rate anche non consecutive
A partire dal 22 ottobre 2015, l'agente della riscossione, su richiesta del contribuente che dichiara di trovarsi in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, concede la ripartizione del pagamento delle somme iscritte a ruolo, con esclusione dei diritti di notifica, fino ad un massimo di settantadue rate mensili. Nel caso in cui le somme iscritte a ruolo sono di importo superiore a cinquantamila euro, la dilazione può essere concessa se il contribuente documenta la temporanea situazione di obiettiva difficoltà. In caso di comprovato peggioramento della situazione di obiettiva difficoltà, la dilazione concessa può essere prorogata una sola volta, per un ulteriore ...

Equitalia » La dilazione della cartella esattoriale non cancella l'ipoteca se già iscritta
Equitalia: l'ottenimento della dilazione del debito per una o più cartelle esattoriali può impedire l'iscrizione dell'ipoteca, ma non la sua cancellazione, se essa era già preesistente. Come noto, dopo aver accettato la dilazione, Equitalia non può procedere all'iscrizione di ipoteca ed altre forme di riscossione coattiva. La possibilità di iscrivere ipoteca, infatti, è possibile solo se la domanda di rateazione è respinta o se il contribuente non rispetta il piano di rateazione. E' bene chiarire che, purtroppo, la domanda di rateazione presentata successivamente all'iscrizione di ipoteca non consente la cancellazione di essa, la quale può rimanere salva fino all'estinzione del ...

I vantaggi connessi alla rateazione di una cartella esattoriale
La richiesta di rateazione della cartella esattoriale, se accolta, comporta altri vantaggi rispetto a quello, evidente, di poter pagare importi più sostenibili e tollerabili da un bilancio familiare, di una ditta individuale o di una società di persone. Infatti, una volta ottenuto l'accesso al beneficio della rateazione: l'agente della riscossione non può iscrivere ipoteca, né attivare qualsiasi altra procedura cautelare ed esecutiva finché si è in regola con i pagamenti; il contribuente che ha ottenuto la rateazione non è più considerato inadempiente e può richiedere il Durc (Documento unico di regolarità contributiva) e il certificato di regolarità fiscale per partecipare ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su omesso versamento iva » rateazione? non si ottiene sconto della pena. Clicca qui.

Stai leggendo Omesso versamento IVA » Rateazione? Non si ottiene sconto della pena Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 17 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)